spesa-farmaceutica-convenzionata-gennaio-luglio-2013-imgL’Agenzia del farmaco ha reso noti i dati raccolti nella sua azione di monitoraggio della spesa farmaceutica regionale per il periodo gennaio-luglio di quest’anno. L’Aifa ha fatto una stima della spesa farmaceutica territoriale e ospedaliera, rilevando come la prima sia in linea con il tetto di spesa programmato, mentre la seconda fa registrare uno sforamento, e ha calcolato la spesa convenzionata sia lorda (spesa farmaceutica a prezzi al pubblico) che netta (spesa farmaceutica a carico del Ssn, al netto degli sconti a carico della filiera distributiva), il numero di ricette in regime convenzionato e la compartecipazione totale sostenuta dal cittadino per i medicinali erogati in convenzionata, effettuando confronti rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Nella prima parte del 2013 scendono sia la spesa lorda che quella netta, di 2,9 punti percentuali la prima, che si assesta sui 6,7 miliardi di euro, del 2,2% la seconda, che arriva a 5,3 miliardi. Crescono invece sia le ricette, 363 milioni, il 2,9% in più, sia la compartecipazione, 856,5 milioni di euro, l’1,2% in più in confronto al 2012. La spesa farmaceutica convenzionata netta si è ridotta di 117 milioni di euro rispetto allo stesso periodo dello scorso, in tutte le Regioni tranne Marche, Umbria e Campania, mentre al contrario la contrazione è stata particolarmente consistente in Emilia Romagna (-4,2%) e Sardegna (-7,5%), con un risparmio di oltre 14 milioni ciascuna.

La compartecipazione del cittadino mostra invece uno scenario differente a seconda del contesto, con Regioni in cui cresce, come la Toscana, che fa registrare un +8%, e altre in cui scende, come la Sardegna (-3,9%). In termini di quota di compartecipazione sul prezzo di riferimento (il differenziale tra il prezzo al pubblico del medicinale prescritto e il prezzo di riferimento stabilito dall’AIFA), i picchi si hanno in Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia. Il numero di ricette è cresciuto rispetto al gennaio-luglio 2012 di oltre 10 milioni 360 mila; in valori assoluti, a contribuire maggiormente sono la Lombardia, con 1 milione 580 mila ricette in più, per un totale di quasi 49 milioni, il Lazio, + 1 milione e 167 mila ricette, oltre 39 milioni totali, e la Campania, 1,4 milioni di prescrizioni in più, 35 milioni totali. Con l’aumento delle ricette, la dematerializzazione, una volta eliminato il promemoria della fase sperimentale, potrebbe venire in soccorso riducendo i costi di stampa.

Passando invece alla spesa farmaceutica territoriale, tenendo conto del pay-back, secondo le stime dell’Aifa essa dovrebbe essere dell’11,45%, in linea con il tetto di spesa programmato dell’11,35%, 7,2 miliardi di euro. A superarlo sono dieci Regioni: Sardegna, Lazio, Sicilia, Campania, Puglia, Calabria, Abruzzo, Marche, Molise e Basilicata. In Lazio lo sforamento è di 117 milioni, oltre gli 80 quello in Sicilia e Campania, e intorno ai 45 milioni in Sardegna e Puglia. Peggiore il quadro sul fronte del tetto di spesa programmato per la spesa farmaceutica ospedaliera, fissato al 3,5%, oltre 2 miliardi e 300 milioni di euro: considerando il pay-back, si dovrebbe arrivare al 4,14%, 426 milioni in più. In questo caso sono solo tre a rientrare nel tetto, Lazio, Trento e Valle d’Aosta. Mettendo insieme le due spese, territoriale e ospedaliera, tra gennaio e luglio di quest’anno rispetto al tetto di spesa del 14,85%, vale a dire 9,5 miliardi, c’è uno sforamento complessivo di quasi 500 milioni. A crearlo 15 Regioni, e in particolare la Puglia, 134 milioni di buco, il Lazio, 115 milioni, Sicilia e Campania con oltre 90 milioni; sforamenti che non fanno ben sperare per il bilancio di fine anno.

Spesa farmaceutica convenzionata, il report

Scarica il report AIFA della spesa farmaceutica convenzionata gennaio-luglio 2013. (Link esterno)

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.