spesa farmaceuticaSi contrae ancora la spesa farmaceutica convenzionata, che nel periodo gennaio-luglio 2015, rispetto allo stesso periodo del 2014, ha segnato un -0,2% per la spesa lorda, cioè la spesa farmaceutica a prezzi al pubblico comprensiva di IVA, pari a 14 milioni di euro (su un totale di 6557,5 milioni); e un -0,6% per quanto riguarda la spesa netta, ovvero la spesa farmaceutica a carico del SSN comprensiva di IVA, al netto degli sconti a carico della filiera distributiva, pari a 33,8 milioni di euro (su un totale di 5116,9 milioni). Segno meno anche per il numero delle ricette erogate in regime di assistenza farmaceutica convenzionata, che calano dello -1,7% (pari a 6,3 milioni di unità su un complessivo di 358,2 milioni).

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Cresce invece la compartecipazione totale, vale a dire la spesa sostenuta dal cittadino per ogni forma di compartecipazione a suo carico per medicinali erogati in regime di assistenza convenzionata (come ad esempio il ticket), che sale di 2,4 punti percentuale arrivando a 912,3 milioni (22 milioni in più rispetto allo stesso periodo del 2014). A fornire i dati è l’AIFA, l’Agenzia Italia del Farmaco.

L’aumento più significativo della spesa farmaceutica convenzionata netta si è avuto in Lombardia, che nei sei mesi in esame ha speso 37.256.751 euro in più, pari al 4,7%; mentre la regione più penalizzata è stata la Sicilia, che perdendo il 7,6% ha “risparmiato” 35.079.520 euro.

La spesa relativa a tutte le compartecipazioni a carico del cittadino è cresciuta in tutte le regioni eccezion fatta per il Piemonte (-0,6%), Molise (-1%) e Sicilia (-1,9%); mentre la variazione più significativa si è avuta nella provincia autonoma di Trento, che ha segnato un incremento rispetto al suo stesso valore del 2014 pari al 35,5%. I consumi (il numero delle ricette) sono calati quasi in tutta Italia, tranne che in Campania (+1,6%), in Sardegna e Molise (+0,8% per entrambe) e la già citata provincia di Trento (+0,2%). Il decremento più consistente si è registrato invece in Veneto (-8,3%).

Ad aumentare è anche il consumo di farmaci di fascia A (espresso nel documento dell’AIFA in DDD – Dosi Definite Giornaliere), che nel semestre in esame è cresciuto a livello nazionale del 8,8%, incrementando di 1.191.782.973 DDD; con una variazione assoluta più significativa in Lombardia (255.309.801 DDD) e quella percentuale a Trento (+20,6%).

La spesa per la distribuzione diretta di fascia A aumenta invece quasi di un terzo (+28,8% pari a 552.507.598 euro) rispetto allo stesso semestre dell’anno passato, con una punta di spesa nel Lazio pari a 77.372.423 euro. Il tetto di spesa programmato (11,35%) è stato sforato, arrivando al 12,3% del Fabbisogno Sanitario Nazionale previsto (12,1% se si considera la spesa farmaceutica al netto dei pay-back delle Aziende Farmaceutiche a beneficio delle Regioni). A pesare di più sul superamento è stata la Sardegna, che si è scostata del 14,8% rispetto a quanto previsto a livello regionale. Virtuose solo Umbria, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Valle d’Aosta, Veneto, Trento e Bolzano; segno rosso per tutte le altre.

Male anche per quanto riguarda la verifica del rispetto del tetto di spesa programmato della spesa farmaceutica ospedaliera (3,5%), che nel periodo gennaio-luglio 2015 è cresciuto del 5,3% sforando su tutto il territorio eccetto Trento.

Infine, superiore al tetto di spesa (del 14,85%) anche la spesa farmaceutica territoriale ed ospedaliera, che ha segnato in tutto il territorio il 17,5% (in aumento ovunque tranne Valle d’Aosta, Bolzano e Trento).

[vc_button title=”Download Rapporto AIFA” target=”_blank” color=”default” size=”size_large” href=”https://farmaciavirtuale.it/wp-content/uploads/2015/10/estratto_Monitoraggio_Spesa_Regionale_gen-lug_2015.pdf”]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.