L’Ente nazionale di previdenza e assistenza farmacisti (Enpaf) ha pubblicato sul proprio sito l’elenco delle domande accolte e di quelle respinte delle farmacie e parafarmacie che hanno fatto richiesta, dal 1° gennaio al 31 marzo 2021, dell’indennizzo per sospensione obbligata dell’attività a causa di isolamento per positività a Covid-19. «Sono state accolte le domande, complete e conformi – spiega l’Enpaf – degli iscritti in regola con il versamento della contribuzione al momento della presentazione dell’istanza. Per la liquidazione del periodo di isolamento obbligatorio disposto dall’autorità sanitaria a seguito di accertata positività, si precisa che il periodo di isolamento oggetto di indennizzo è stato individuato a partire dalla data di accertata positività (esito tampone positivo) fino alla data dell’esito del tampone negativo».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Indennizzo per periodi superiori a 21 giorni

Per quanto riguarda il sostegno richiesto per casi di positività a lungo termine, l’Ente fa presente che «il periodo di isolamento oggetto di indennizzo è stato individuato a partire dalla data di accertata positività (esito tampone positivo) fino alla data di fine isolamento certificata dall’autorità sanitaria. Non sono stati indennizzati periodi superiori a 21 giorni, in conformità a quanto stabilito dalla circolare del ministero della Salute del 12 ottobre 2020, se l’attestazione amministrativo-sanitaria di termine dell’isolamento non contiene la motivazione specifica del superamento dei 21 giorni».

Liquidazioni e ricorsi

L’Enpaf provvederà a liquidare i contributi relativi all’interruzione dell’attività sia delle farmacie sia delle parafarmacie con le seguenti modalità; per la liquidazione relativa al contributo per chiusura dell’esercizio delle farmacie, l’Ente ha accolto solo le domande corredate dall’autorizzazione-attestazione della chiusura a causa del contagio da Covid rilasciata dall’autorità sanitaria-amministrativa competente, nel caso invece delle parafarmacie, la liquidazione è stata accolta solo per le domande corredate della comunicazione di chiusura temporanea dell’esercizio inviata alla Asl di competenza, (DM 9 marzo 2012, allegato A, punto 3, lettera d). «Eventuali ricorsi, connessi a errori dell’ufficio ovvero a questioni di interpretazione del regolamento – specifica l’Enpaf – dovranno essere indirizzati al comitato esecutivo dell’Enpaf e inviati esclusivamente tramite Pec all’indirizzo di posta certificata posta@pec.enpaf.com entro il 21 luglio 2021. I ricorsi presentati al comitato esecutivo per motivazioni diverse da quelle sopra indicate saranno dichiarati inammissibili d’ufficio».

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.