«Guardiamo con favore e interesse al Dl Sostegno Bis varato ieri in via definitiva dal Governo Draghi, perché mostra segnali d’attenzione all’industria del farmaco. Tuttavia non possiamo non manifestare preoccupazione come comparto dell’off patent che ha pronti investimenti e progetti per impianti produttivi destinati ai farmaci essenziali – al vaglio del Mise – di cui l’Italia ha scarse fonti di approvvigionamento». Sono le parole di Enrique Häusermann, presidente di Egualia, che commenta il contenuto del decreto che istituisce tra l’altro il “Fondo ricerca per l’Italia” e introduce un credito d’imposta per le attività di R&S su farmaci innovativi, inclusi i vaccini, a fronte di cessioni di licenze non esclusive. «Bene l’attenzione alla ricerca – prosegue Häusermann – ma serve subito una politica industriale lungimirante, non solo sostegni, per non sprecare la lezione che stiamo vivendo con il Covid. Vediamo invece – conclude – che allo stato attuale mancano misure espressamente dedicate al segmento che durante la pandemia ha garantito continuità grazie al network internazionale».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.