Futurpharma ha delineato il futuro e le possibili nuove prospettive della professione. «Futurpharma, che dalla sua nascita segue l’evoluzione professionale del farmacista promuovendo nuove competenze, ribadisce il suo principale impegno: proporre la sua figura ovunque sia presente il farmaco. Nel futuro dei farmacisti si intravedono nuovi sbocchi lavorativi. Quali? Futurpharma ha messo a punto un quadro innovativo della professione, già profondamente cambiata in questo ultimo anno». Secondo la sigla «appare chiaro oggi che il farmacista sta partecipando in modo attivo nell’ambito della prevenzione con il suo ruolo di educatore sanitario. Questo impegno dovrebbe portare le istituzioni a investire sulla sua importante figura, considerando che, ad oggi, il farmacista è tra i più accessibili operatori sanitari su tutto il territorio nazionale. Per questo, con il suo ruolo socio-sanitario, è in grado di promuovere innovativi “ecosistemi di cura”, in sinergia con tutte le professionalità».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Nuovi ambiti professionali per i farmacisti

Tra i potenziali ambiti di sviluppo della professione, Futurpharma ne individua quattro che potrebbero trovare spazio nel sistema italiano. Tra questi troviamo il farmacista nella ricerca scientifica: «Il farmacista che lavora in farmacia potrebbe affiancare il ricercatore nello sviluppo di progetti in ambito farmacologico lavorando in equipe con altri specialisti. Un metodo sinergico di collaborazione con la figura del farmacista avallato dall’Istituto di ricerche farmacologiche (Irccs) Mario Negri». Un’altra prospettiva è del farmacista integrato nella prescrizione medica, che Futurpharma definisce come «una figura che prescrive la terapia farmacologica adattando e revisionando i regimi terapeutici per la salute del paziente, lavorando in collaborazione con tutti gli specialisti. Un ruolo già presente da molti anni nel Regno Unito, negli Stati Uniti, in Canada e in Nuova Zelanda».

Farmacista ambulatoriale e di dipartimento

Altri due profili professionali che potrebbero trovare terreno fertile nel sistema sanitario sono, secondo l’analisi di Futurpharma, il farmacista ambulatoriale e quello di dipartimento. «Il farmacista ambulatoriale lavora presso gli ambulatori medici, mettendo la propria competenza al servizio del medico. Il farmacista di dipartimento equivale al farmacista ospedaliero, già molto presente in Europa, che lavora presso vari reparti all’interno di un ospedale collaborando costantemente con la figura del medico».

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.