L’eHealth Network nasce come organismo finalizzato a promuovere lo sviluppo e la diffusione della sanità digitale nell’ambito della Comunità Europea. Il suo scopo – evidenzia il ministero della Salute – è quello di sostenere «una cooperazione strategico-istituzionale tra le autorità nazionali responsabili dell’assistenza sanitaria online, designate dai diversi Stati Membri, attraverso servizi europei di assistenza sanitaria online e applicazioni interoperabili». Con queste premesse è in fase di sviluppo il National contact point for eHealth (Ncpeh), infrastruttura per lo scambio transfrontaliero di dati e documenti sanitari. «Quando il Ncpeh sarà operativo – dichiara il Ministero – in caso di prestazione di cure presso strutture di un altro stato membro aderente al progetto, sarà possibile per i professionisti sanitari recuperare i dati riportati nel patient summary. Similarmente, un farmacista collegato alla rete dell’infrastruttura, potrà recuperare le prescrizioni erogabili (ePrecription)».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Formazione mirata ai professionisti

Il Consorzio che gestisce il progetto in Italia è costituito dal Ministero della Salute in qualità di coordinatore, dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, dall’AgID e dalle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto. Tra le sue funzioni sono previste attività legate alla strategia di comunicazione e formazione, ritenuti aspetti fondamentali per il successo del progetto. «I partner del consorzio – spiegano i sui membri – metteranno in campo strategie e risorse per coinvolgere un numero significativo di professionisti sanitari che saranno adeguatamente formati per poter operare sull’infrastruttura di interoperabilità europea e informare i cittadini sui nuovi servizi disponibili in mobilità europea, relativi alla condivisione del profilo sanitario sintetico e della prescrizione (ricetta) elettronica. Per i professionisti sanitari l’azione di formazione non è finalizzata solo all’uso della piattaforma, ma anche a conoscere i diversi approcci che hanno gli stati membri nella valutazione e gestione, ai fini clinici, del patient summary e dell’ePrescription».

Iniziative di comunicazione anche per cittadini e istituzioni

Per rendere la comunicazione il più efficace possibile e raggiungere tutti gli interlocutori interessati, il Consorzio si avvarrà di diversi strumenti come newsletter, portale di progetto, incontri periodici istituzionali, oltre a sfruttare i canali interattivi come i social media più diffusi. È inoltre prevista una campagna di comunicazione locale, coordinata nei contenuti a livello nazionale ed europeo. La comunicazione sarà modulata sul target da raggiungere. «I cittadini – precisa il Consorzio – sono i beneficiari finali del servizio. In questo gruppo, è importante promuovere la conoscenza della disponibilità dei canali online per accedere ai servizi sanitari e stimolare la domanda di servizi digitali sempre più evoluti che possano migliorare la qualità della vita e l’autonomia di accesso ad essi anche fuori dal territorio nazionale. Tra gli altri stakeholder rientrano i servizi e le organizzazioni dell’Unione Europea, i policy maker e le pubbliche amministrazioni, che hanno un ruolo chiave nello stabilire regole e politiche appropriate al fine di supportare e armonizzare l’utilizzo e il potenziamento dei servizi sviluppati dalla piattaforma di interoperabilità europea Ncpeh».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.