lpi«La spesa out of pocket in Italia è saluta negli ultimi anni, così come quella farmaceutica. Il ripiano viene sanato attraverso il pay-back, dove a contribuire sono le farmacie, i distributori intermedi e le industrie farmaceutiche. Mentre i cittadini, per i costi del ticket, abbandonano la possibilità di acquistare farmaci in convenzione, con ricetta Ssn, e provvedono con le proprie risorse economiche». A spiegarlo è il presidente delle Libere Parafarmacie Italiane, Ivan Giuseppe Ruggiero, in una lettera indirizzata al ministro della Salute Beatrice Lorenzin nella quale si spiega che «proposte come il delisting sarebbero le uniche a essere efficienti, per contenere e abbassare la spesa pubblica e privata».
«Aumentare la concorrenza, abbassare i prezzi dei farmaci, migliorare i servizi, rendere più agevole per i cittadini l’accesso ai medicinali e alle cure – prosegue il dirigente – non è una questione di tempistica e di convenienza economica per chi lo propone. Il governo deve cercare di contenere la spesa pubblica mantenendo alti i livelli del servizio per i cittadini. Aumentano i ticket, aumenta il costo dei farmaci, aumenta la compartecipazione delle spese per prestazioni sanitarie, diminuiscono gli ospedali nelle nostre città, peggiora la sanità, i cittadini sono costretti a pagare con le proprie tasche quello che dovrebbe essere un diritto assicurato dallo Stato e cioè garantire assistenza sanitaria, accesso alle cure e ai farmaci, come previsto dalla nostra Costituzione».
«Se le parafarmacie fossero trasformate in farmacie non convenzionate – insiste Ruggiero – le stesse rappresenterebbero una seria risorsa del Ssn, contribuendo non solo alla diminuzione della spesa pubblica convenzionata, ma anche di quella privata. Cosi si creerebbe una sostenibilità che porterebbe benefici a tutto il sistema farmaceutico, comprese le farmacie stesse, che non sarebbero obbligate a versare denaro per ripianare lo sforamento della spesa sanitaria, attraverso il pay-back. Il panorama farmaceutico ha bisogno di nuovi soggetti che possano anche fare prevenzione nelle proprie strutture».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.