«Tracciabilità e ricetta elettronica veterinaria un bilancio sui primi dati» è questo il titolo del convegno su iniziativa di Maria Rizzotti, membro della dodicesima commissione permanente Igiene e Sanità, organizzato in collaborazione con l’Associazione nazionale distributori medicinali veterinari (Ascofarve), con il contributo non condizionato di Farmadati Italia, che avrà luogo martedì 10 dicembre a Roma presso la sala dell’Istituto di Santa Maria in Aquiro, piazza Capranica, 72, a Roma. I lavori apriranno con l’intervento di Maria Rizzotti, parlamentare, e Roberto Rebasti, presidente di Ascofarve. Seguirà poi la relazione dal titolo “Tracciabilità informatizzata e Ricetta elettronica veterinaria – Presentazione dati interventi del ministero della Salute», a cura di Salvatore Macrì, ufficio 4 Dgsaf, Stefania Dalfrà, ufficio 4 Dgsaf, Giuseppe Viggiano, direttore generale Dgsi, e Claudia Biffoli, Direttore Ufficio 4 Dgsi, organismi in seno al ministero della Salute. Dunque, l’intervento di Marco Secone, IT manager Izsam e Nicola D’Alterio, direttore sanitario Izsam.

Sarà poi la volta della tavola rotonda denominata “Stakeholder a confronto”, occasione in cui prenderanno parola Andrea Mandelli, presidente della Fofi e membro della quinta commissione Bilancio, Tesoro e Programmazione, Gaetano Penocchio, presidente della Fnovi, Roberto Rebasti, presidente Ascofarve, Roberto Cavazzoni, direttore Aisa, Marco Melosi, presidente Anmvi, Marco Cossolo, presidente Federfarma, Pierluigi Petrone (presidente Assoram), Antonello Mirone, presidente Federfarma Servizi, ed infine Assalzoo. La giornata si concluderà con diversi interventi a cui parteciperanno i diversi parlamentari invitati di Camera e Senato. Come è noto, il monitoraggio delle prescrizioni di farmaci veterinari rientra tra i vantaggi del nuovo sistema di tracciabilità. Quest’ultimo infatti, in aggiunta all’obbligo di erogazione dei farmaci veterinari solo mediante una prescrizione elettronica, contribuisce ad arginare i fenomeni iperprescrittivi, al fine di controllare problematiche come l’antibiotico-resistenza e l’abuso di medicinali sugli animali.

© Riproduzione riservata