ricetta elettronica asl casertaCriticità «urgentissime» connesse alla gestione quotidiana della ricetta elettronica da parte delle farmacie per cui si sollecita un rapido intervento. A sollevare la questione è Federfarma Caserta, il cui presidente Umberto D’Alia ha scritto al dirigente del Servizio Controllo interno di gestione dell’Asl casertana, Michele Tari, per chiedere la soluzione di una serie di difficoltà emerse, afferma il sindacato dei farmacisti titolari, «a causa di inadempienze operate dai medici di famiglia». Tra i punti evidenziati, il fatto che i medici dovrebbero adottare un formato di impaginazione univoco e codici di esenzione con sigle uguali per tutti. «Richiediamo che i campi dei codici a barre non siano riportati in modalità “bassa definizione”, così da consentire ai nostri lettori ottici di accedere ai dati senza problemi», scrive Federfarma Caserta, che ritiene inoltre «necessario che sia le linee che gli spazi per le fustelle siano definite e uguali per tutti, tali da lasciare margini sufficienti per la collocazione delle fustelle medesime in posizione fissa e obbligata».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Un problema particolarmente serio segnalato dal sindacato riguarda poi il promemoria da rilasciare al paziente, che come stabilito dal decreto commissariale 139 del 31 ottobre 2014 deve essergli consegnato materialmente e non può essere trasmesso in via indiretta. «Ci giungono segnalazioni – scrive D’Alia a Tari – di promemoria trasmessi a mezzo posta elettronica da alcuni medici all’assistito o a farmacie di proprio riferimento. Questo secondo caso, particolarmente grave, ha trovato riscontro in denunce circostanziate, presentate all’ordine di appartenenza. È chiaro che in questo frangente si configura, oltre che un illecito, un’azione lesiva degli interessi delle altre farmacie del territorio, nonché del paziente stesso limitando, di fatto, la sua libertà di scelta». Il Codice deontologico dei farmacisti stabilisce infatti che non si può promuovere l’accaparramento di ricette senza l’esplicita autorizzazione del cittadino, che ha il diritto alla libera scelta della farmacia a cui rivolgersi. L’invio tramite mail del promemoria al paziente da parte del medico lascia anche aperto il campo, sottolinea il sindacato casertano, al rischio di stampare più promemoria e di ritirare in più farmacie i medicinali prescritti.

Spesso, continua poi Federfarma nell’elencare le criticità, si usa il “Non sostituibile” anche sui generici o su prodotti di importazione, come ad esempio Augmentin cpr di Medifarma o Bbpharma, «non sapendo che quel messaggio è bloccante e che quindi il farmacista può solo spedire quel tipo di prodotto e che se non è presente in farmacia la spedizione non può avere luogo». L’associazione dei titolari chiede inoltre con urgenza all’azienda sanitaria un tavolo tecnico perché, ricorda, «la ricetta dematerializzata non ha sostituito la vecchia convenzione, che seppur scaduta da tempo immemorabile è ancora il nostro e vostro punto di riferimento, quindi le ricette evase possono essere consegnate all’Asl di appartenenza entro un anno». L’appello all’azienda sanitaria non è caduto nel vuoto: il direttivo dell’Asl ha inviato una lettera ai medici prescrittori, riprendendo punto per punto tutte le segnalazioni del sindacato e richiamandoli a un modello di comportamento univoco e corretto. Inoltre, per sgomberare il campo da qualunque equivoco, l’Asl ribadisce che l’unica modalità ammessa di consegna del promemoria è nelle mani dell’assistito, e mai tramite mezzi informatici.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.