ricetta elettronica farmaciaLa tabella di marcia dettata dal governo Monti non è stata rispettata, ma la ricetta elettronica si fa strada e cammina verso la meta. Ci sono regioni in ritardo e altre che galoppano a pieno ritmo. Tanto che Gianni Petrosillo, amministratore delegato di Promofarma, la società di Federfarma che ha il compito di monitorare il passaggio dalla ricetta cartacea a quella digitale, si definisce soddisfatto: “Prevedo che per la metà del 2015 quasi tutte le Regioni saranno in fase esecutiva del progetto”.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

La Sicilia è la numero uno in Italia nel nuovo sistema delle ricette elettroniche. L’isola vanta infatti l’85 per cento delle prescrizioni e, del resto, è stata la prima a firmare il protocollo d’intesa e a partire con la sperimentazione prima e poi con il via vero e proprio alla nuova era. Anche il Veneto, che era partito in sordina mandando in soffitta la ricetta rossa in settembre, è già arrivato all’80 per cento delle prescrizioni on line. Si stanno avvicinando a percentuali importanti anche la Valle d’Aosta, la Basilicata e la Provincia di Trento. La Lombardia è prossima alla chiusura della sperimentazione e a breve debutterà con il nuovo sistema. In Campania la ricetta dematerializzata decollerà in dicembre, mentre l’Abruzzo ha appena siglato il protocollo d’intesa e sta per avviare la fase di test.

Chi procede a passo di lumaca è la Calabria, che secondo Petrosillo è poco trainata dal Governo regionale, così come la Puglia che ha adottato un sistema lento, o il Lazio che ha optato per una partenza all’unisono di tutte le farmacie, con i conseguenti ritardi. E anche Bolzano è al palo. “A frenare sono problemi soprattutto strutturali, ma tutte le regioni bene o male sono in moto e ciò mi porta a dire che nel 2015 non ce ne saranno ancora a zero – dice Petrosillo -. Alla fine del prossimo anno tutta l’Italia dovrebbe essere allineata al nuovo sistema. Certo, l’agenda di Monti che prevedeva le regioni a norma entro la fine del 2014 non è stata rispettata, ma che alcune siano già all’80 per cento della dematerializzazione è un buon risultato alla luce delle complicazioni tecniche in merito a connessioni, blocchi e sistemi regionali che non stanno aiutando”.

Nelle regioni in cui il nuovo sistema è partito, riferisce l’ad, non ci sono stati disagi né per i cittadini, né per le farmacie: “Anche quando ci sono stati problemi alla rete, gli utenti sono riusciti comunque a ricevere il farmaco grazie al promemoria. Anche le farmacie sembrano gradire il nuovo sistema, che peraltro porterà vantaggi come quello delle ricette già tariffate. Ma la sanità digitale farà bene a tutti, perché porterà grossi risparmi in termini di produzione di carta filigranata, di logistica-trasporti e di controlli post erogazione”.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.