La piattaforma digitale predisposta dall’Enpaf per la richiesta della restituzione del contributo 0,15% da parte delle farmacie beneficiarie manderà in pensione le vecchie modalità adoperate fino a questo momento. È quanto ha fatto sapere l’Ente nazionale di previdenza e assistenza farmacisti (Enpaf), la quale ha specificato che la sola procedura valida, a partire dal mese di ottobre 2020, è quella che prevede il caricamento della richiesta sul sito Internet predisposto dall’Ente. Alla luce di tale novità, l’Enpaf ha precisato che «non saranno accettate domande presentate con modalità diverse rispetto alla presentazione attraverso il portale “Enpaf online 0,15%». Il sito Internet renderà in tal modo la procedura più snella «ed offre al titolare avente diritto – puntualizza l’Enpaf – la possibilità di interagire con modalità più veloce, sicura, trasparente e interattiva».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Come funziona il nuovo strumento

Con riferimento al ruolo della Pec, l’Ente fa sapere che «sarà lo strumento utilizzato attraverso il quale si chiederà all’avente diritto di accedere alla piattaforma per la riscossione del contributo annuale. L’avente diritto riceverà una notifica all’indirizzo Pec comunicato all’Enpaf su cui saranno presenti le credenziali per accedere alla piattaforma e compilare i dati per la liquidazione del contributo 0,15%. Se l’avente diritto è titolare di più farmacie dovrà compilare e confermare la richiesta dati per ogni farmacia per la quale ha diritto al contributo. Per gli aventi diritto per i quali l’Enpaf non ha un indirizzo Pec sarà inviata in seguito una comunicazione».

La procedura di registrazione sul sito Enpaf

«La procedura di registrazione – spiega l’Enpaf – avviene direttamente accedendo all’area riservata 0,15 mediante l’inserimento delle credenziali presenti nella Pec stessa: utente e password. Una volta avvenuto l’accesso e confermata la correttezza dei dati si potranno inserire direttamente gli estremi bancari, sul quale ricevere il bonifico. Le richieste rimarranno a disposizione dell’avente diritto nella propria area riservata· Ulteriori chiarimenti in merito al contributo 0,15% possono essere ottenuti chiamando il numero 06/54711 attivo nei giorni di lunedì, mercoledì e venerdì dalle ore 9:30 alle ore 13:30, oppure inviando una comunicazione all’indirizzo di posta elettronica 015@enpaf.it.

Il collegamento alla pagina predisposta

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.