La Commissione europea ha lanciato la nuova versione del Registro dei medicinali ad uso umano e veterinario. Lo spiega la Fofi in una circolare. Nella nuova versione del registro, consultabile on line per nome di prodotto, principio attivo o numero di autorizzazione Ue, sono elencati i medicinali per uso umano e veterinario autorizzati dalla Commissione con procedura centralizzata, per un totale di 1.300 voci. Inoltre, sono contenute anche le informazioni su farmaci orfani, autorizzazioni non concesse ed infine sulle revisioni relative alle autorizzazioni nazionali. «L’aggiornamento – spiega la Fofi – fornisce un’estesa gamma di caratteristiche aggiuntive, incluse la possibilità di inserire filtri ed esportare i contenuti, e ha lo scopo di offrire una migliore esperienza a tutti gli utilizzatori mediante una navigazione semplificata ed una maggiore compatibilità con i dispositivi mobili».

Per fruire delle funzionalità del registro è possibile accedere al link opportunamente predisposto. Si aprirà dunque la pagina denominata “Public Health – Union Register of medicinal products”. Sono tre le macro-categorie incluse nella pagina, ovvero «Procedure per i medicinali autorizzati a livello centrale», con all’interno tre sotto-categorie relative al «Registro dell’Unione dei medicinali per uso umano», «Registro comunitario dei medicinali orfani per uso umano» e «Registro dell’Unione dei medicinali veterinari». Per ognuna di queste, è possibile individuare le singole voci contenenti i farmaci al momento attivi, coloro che le cui autorizzazioni sono in attesa, sospese, scadute o non rinnovate, ed infine l’elenco dei farmaci rifiutati. Le voci possono essere visualizzate in ordine alfabetico o per Stato di appartenenza. Un’ulteriore macro-categoria contiene le «Procedure per i medicinali autorizzati a livello nazionale», ripartite tra medicinali ad uso umano e ad uso veterinario. Infine, l’ultima macro-categoria denominata «Altri links», contiene una serie di collegamenti utili, tra cui un Indice generale per principio attivo e per nome del medicinale, nonché una sezione «Domande frequenti».

© Riproduzione riservata