«Il 2019 è stato caratterizzato da un’inversione di tendenza delle rapine in farmacia che hanno fatto registrare un incremento rispetto all’anno precedente dopo che per 5 anni erano state caratterizzate da un continuo calo. In particolare, gli episodi sono stati 635, pari ad un incremento dell’8% rispetto al 2018. Il numero di casi registrato è comunque tra i più bassi registrati negli ultimi anni e pari alla metà del picco registrato nel 2013 con oltre 1.200 casi». A spiegarlo è il Rapporto Intersettoriale sulla Criminalità Predatoria 2020, redatto, tra gli altri, dal ministero degli Interni, ABI, Ossif e Federfarma. Secondo il documento, notizie poco incoraggianti si riscontrano anche in merito all’indice di rischio, secondo cui «un incremento ha caratterizzato anche l’indice di rischio che nel 2019 è stato pari a 3,3 rapine ogni 100 farmacie, contro un valore pari a 3 nel 2018». Ciò nonostante, «il livello di rischio è rimasto comunque inferiore e distante dal valore massimo di 7 rapine ogni 100 farmacie raggiunto nel 2013».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Distribuzione regionale delle rapine

In termini di distribuzione regionale , «anche nel 2019 le rapine in farmacia si sono concentrate prevalentemente in Lombardia, dove si sono verificati 165 episodi, e nel Lazio con 137. Seguono la Sicilia con 91, l’Emilia-Romagna con 53 e la Campania con 51. La recrudescenza registrata a livello nazionale (+8%) ha caratterizzato complessivamente 11 regioni tra cui l’Emilia-Romagna (+71%, da 31 rapine nel 2018 a 53 nel 2019), la Sicilia (+54%, da 59 a 91) e il Lazio (+37%, da 100 a 137). Le rapine sono rimaste invariate in Valle d’Aosta (dove non si sono verificati episodi) mentre un positivo calo ha riguardato complessivamente 8 regioni, tra cui il Piemonte (dove le rapine si sono quasi dimezzate passando da 43 a 22) e la Puglia (-40%, da 58 a 35). Il Lazio si è confermata la regione con il più alto livello di rischio con un indice pari a 8,5 rapine ogni 100 farmacie (6,2 nel 2018). Un valore dell’indice superiore a quello medio nazionale (3,3 rapine ogni 100 farmacie) è stato registrato anche in Sicilia (5,8 da 3,8 nel 2018), Lombardia (5,3 da 5,2) ed Emilia-Romagna (3,9 da 2,3)».

Roma la città più colpita dalle rapine

Il rapporto propone quindi un focus sulle singole provincie, dove Roma è stata la città più colpita in assoluto dal fenomeno, con 132 rapine, pari ad un incremento del 35% rispetto al 2018. Alla capitale seguono «Milano con 117 rapine, Catania con 45, Napoli con 38 e Palermo con 30. Una recrudescenza ha caratterizzato complessivamente 38 province, tra le quali si segnalano, oltre Roma, Palermo (da 13 a 30 rapine), Pisa (da 1 a 15) e Catania (da 37 a 45). Un calo ha invece caratterizzato complessivamente 39 province, tra le quali, Barletta-Andria-Trani e Firenze (-77%, da 13 a 3 rapine), Foggia (-61%, da 18 a 7) e Torino (-60%, da 40 a 16). L’incremento dei casi registrato nella provincia di Catania ha fatto sì che la provincia siciliana balzasse al primo posto per livello di rischio con un indice pari a 14 rapine ogni 100 farmacie, scavalcando Milano scesa al secondo posto con un indice pari a 13,9. Seguono Pisa con 12,1 rapine ogni 100 farmacie (da 0,8), Roma con 11,9 (da 8,8) e Monza e Brianza con 9,3 (da 4,4)».

I furti in farmacia

Per quanto riguarda invece i furti in farmacia, negli ultimi 9 anni hanno registrato un deciso aumento: «Negli ultimi anni il fenomeno più rilevante per le farmacie è rappresentato dai furti che nel 2019 sono stati 1.067, pari ad un decremento dell’11,1% rispetto al 2018 in cui se ne erano verificati 1.200. Dal 2014 il numero dei furti in farmacia ha superato il numero di rapine e nell’ultimo anno hanno rappresentato il 63% del totale dei reati subiti. Nel 2019 è stato registrato un decremento anche dell’indice di rischio che è risultato pari a 5,5 furti ogni 100 farmacie, valore vicino a quello registrato ad inizio del periodo considerato, il 2009. A livello territoriale la Lombardia si è confermata la regione più colpita con 168 furti, seguita da Lazio (140 episodi), Campania (112), Emilia-Romagna e Piemonte (98). Il decremento dei furti registrato a livello nazionale ha caratterizzato anche 11 regioni tra cui la Toscana (-28%, da 115 a 83), la Campania (-23%, da 146 a 112) e la Lombardia (-20%, da 211 a 168). Un incremento del fenomeno si è invece verificato in 7 regioni tra cui il Veneto (+40%, da 53 a 74)». In termini di fattore di rischio, invece, è il Lazio la regione più pericolosa, con «8,7 furti ogni 100 farmacie (da 9,2 nel 2018)».

Il protocollo d’intesa

Il documento ricorda infine le attività di prevenzione e contrasto: in particolare il rinnovo del Protocollo d’intesa finalizzato a migliorare la sicurezza delle farmacie mediante un sistema di collegamento fra gli impianti di videosorveglianza e le centrali operative di Polizia e Carabinieri.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.