Sono state approvate presso il Consiglio nazionale ordini psicologi (Cnop) le “Linee di indirizzo per lo psicologo in farmacia. Ne dà notizia Federfarma in una circolare, la quale spiega che «la possibilità per le farmacie di avvalersi della collaborazione di altri professionisti sanitari, avviata con il d.lgs. 153/2009 sulla “Farmacia dei servizi”, conferisce alla Farmacia un ruolo sempre più di primo piano nell’ambito del SSN, come presidio capillarmente presente sul territorio, dove gli assistiti hanno la possibilità di usufruire di molteplici prestazioni sanitarie». In quest’ottica, evidenzia il sindacato, «assumono particolare rilievo le allegate “Linee di indirizzo per lo psicologo in farmacia” elaborate dal Gruppo di lavoro costituito presso il Consiglio nazionale ordini psicologi (CNOP), con la partecipazione del ministero della Salute, di Federfarma, di Assofarm e di alcuni Ordini provinciali degli psicologi».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Il documento, mette in luce Federfarma, conferisce «allo “psicologo in Farmacia”, professione sanitaria ai sensi della recente legge 3/2018, una veste di ufficialità e nel fornire regole generali di riferimento, ribadisce l’importanza della Farmacia nel Ssn, come “Centro Socio Sanitario polifunzionale, un luogo qualificato di prestazioni sanitarie e di consulenza… un insieme di attività in cui la sinergia di intenti, attraverso una efficace articolazione e nel rispetto delle specifiche competenze, garantisce prestazioni sicure e di qualità ai cittadini». Sullo stesso tema, un convegno tenuto al Senato il 15 gennaio 2018, organizzato dal Cnop con il patrocinio della Fofi, aveva illustrato i vantaggi legati alla presenza dello psicologo in farmacia. Per l’occasione, tutti i professionisti intervenuti avevano evidenziato che, «con l’introduzione sistematica dello psicologo, si genererà un impatto positivo non solo sul benessere dell’utenza, ma anche sui costi della sanità pubblica. Intercettare sul nascere il malessere, infatti, eviterà che esso, da semplice disagio, possa trasformarsi in patologia».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.