«Uso ottimale dei medicinali», «miglior consapevolezza sulle implicazioni cliniche e operative nel loro utilizzo», «etica e deontologia nella ricerca clinica e nella prescrizione» e «diffusione di campagne di comunicazione curate dall’Aifa». Sono questi i principali obiettivi che Fnomceo e Aifa intendono portare avanti grazie anche all’insediamento di un tavolo tecnico che lunedì 14 giugno 2021 ha visto la sua prima riunione. Un ulteriore obiettivo riguarda il fenomeno dell’antibiotico-resistenza.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Scambio di opinioni su tematiche di attualità

Filippo Anelli, presidente della Fnomceo, ha evidenziato che «l’incontro è stato uno scambio di opinioni proficuo su tematiche di grande attualità e interesse: ringraziamo l’Aifa, in particolare il direttore generale, Nicola Magrini, e il presidente, Giorgio Palù, per aver condiviso con noi l’opportunità di un confronto istituzionale. Punto di partenza – si legge in una nota – è stata la manifestazione, da parte nostra, della necessità di abbandonare la strada della “medicina amministrata”, che guarda soprattutto alle ragioni del bilancio economico, a favore di una medicina che abbia come obiettivo la salute dei cittadini. Obiettivo che è raggiungibile solo attraverso l’applicazione dei principi di autonomia, indipendenza, responsabilità della professione medica e odontoiatrica, così come rilevato anche dalla Corte Costituzionale».

Responsabilità nella prescrizione e somministrazione

Secondo Nicola Magrini, direttore generale Aifa, «siamo consapevoli del ruolo che l’agenzia detiene di alta amministrazione dei farmaci, così come delle dirette responsabilità di medici e odontoiatri nella loro prescrizione e somministrazione. Per questo, seguendo un lungimirante impulso fornito dal ministero della Salute, abbiamo rapidamente attivato un protocollo d’intesa con la Fnomceo da cui ci aspettiamo risultati, già a breve, in termini di appropriatezza negli usi farmaceutici e informazione condivisa».

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.