pillola-anticoncezionaleOccorre che le donne siano consapevoli dei pericoli di tromboembolia venosa (TEV) e che i medici nel fare la prescrizione tengano nella debita considerazione i fattori di esposizione individuali, ma i benefici legati all’uso dei contraccettivi ormonali combinati nel prevenire gravidanze indesiderate superano i rischi. Ad affermarlo è la European Medicines Agency, che l’11 ottobre ha pubblicato una nota dopo aver avviato a febbraio una valutazione di tali contraccettivi su richiesta della Francia e condotta dal PRAC, Pharmacovigilance Risk Assessment Committee. Le raccomandazioni del PRAC sono state girate a un altro comitato, il CHMP, Committee for Medicinal Products for Human Use, che porterà una posizione finale dell’Ema a novembre, in occasione dell’incontro plenario che si terrà tra il 18 e il 21. L’ultimo passo sarà l’assunzione da parte della Commissione europea di una decisione legalmente vincolante, applicabile a tutti gli Stati membri.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Secondo il PRAC, il rischio di TEV, che varia, seppur di poco, in base ai tipi di progestinici contenuti, è minore nei contraccettivi con levonorgestrel, norgestimate e noretisterone: sono tra i 5 e i 7 su 10 mila i casi di donne che assumono tali pillole, cerotti e anelli vaginali e sono colpite da tromboembolia venosa. Il numero cresce con gli anticoncezionali contenenti etonogestrel e norelgestromin, tra i 6 e i 12 casi all’anno, e con gestodene, desogestrel e drospirenone, dai 9 ai 12 casi, mentre tra le donne che non usano alcun tipo di contraccettivo ormonale combinato l’incidenza è di 2 su 10 mila. Insufficienti sono invece al momento i dati sui farmaci a base di clormadinone, dienogest e nomegestrol, per cui sono in corso e in programma ulteriori studi sui rischi. L’analisi del PRAC si è inoltre concentrata sul pericolo di tromboembolia arteriosa, rilevandolo come molto basso e senza evidenze di differenze in base ai progestinici.

Certo, è molto importante, raccomanda il PRAC, che le donne abbiano consapevolezza dei rischi di TEV e dei possibili segnali, quali dolori e gonfiore alle gambe, improvvisa mancanza di fiato, respirazione affannosa, tosse, dolori al petto, debolezza, viso, gambe o braccia intorpidite. Se si avvertono questi sintomi, si deve immediatamente consultare un medico. È inoltre necessario che quest’ultimo al momento della prescrizione dei contraccettivi tenga in giusto conto i fattori individuali e gli stili di vita che possono aumentare il rischio di TEV, come fumare, essere sovrappeso, l’età, soffrire di emicranie, parti recenti e precedenti casi in famiglia di tromboembolia.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.