pgeuÈ stato pubblicato il 16 marzo il rapporto annuale sull’attività del Pgeu (Pharmaceutical Group of the European Union). Il documento ripercorre mese per mese le tappe principali che hanno contraddistinto il 2016 per l’associazione in Europea. Jan Smits, presidente dell’organizzazione durante lo scorso anno, ha spiegato in un editoriale che «il lavoro del nostro gruppo punta ad una riflessione complessiva, al fine di comprendere in che modo le farmacie territoriali possano incrementare il loro contributo al buon andamento dei Sistemi sanitari dell’Unione europea. Come accaduto a molti altri comparti nel settore della salute, siamo stati costretti a fronteggiare misure di contenimento dei costi per numerosi anni. Sappiamo però che questa non è la risposta: i sistemi sanitari in Europa hanno bisogno di essere rafforzati e modernizzati al fine di essere più efficienti. Ciò potrebbe significare un aumento dei costi sul breve termine, ma con risultati che sarebbero apprezzati sul lungo periodo». «Le farmacie territoriali – ha aggiunto il dirigente – sono pronte per essere valorizzate grazie alla possibilità di offrire nuovi servizi. In particolare, la rete delle 160.000 farmacie presenti in Europa rappresenta un’opportunità unica per poter garantire programmi di prevenzione, screening sanitari e interventi immediati per tutti i cittadini. Nessuna altra professione sanitaria ha investito infatti come le farmacie in termini di infrastrutture innovative che possono offrire grandi benefici ai pazienti. Le ricette elettroniche sono una realtà in 17 Paesi europei, ma si sviluppano anche i registri digitali per il monitoraggio delle interazioni tra farmaci, così come le app mobili o i servizi telefonici utili per incrementare l’aderenza terapeutica». Smits ha concluso il proprio editoriale sottolineando che «la crescita esponenziale dei dati disponibili sui sistemi sanitari, e sulle stesse farmacie, ha consentito di effettuare una riflessione sempre più complessa sulle pratiche quotidiane e sulle politiche da introdurre. Per questo la Pgeu si è concentrata in modo particolare sulla gestione del “big data”, anche nel suo simposio annuale all’Aia, in Olanda».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.