Sono 54 i farmacisti, su un campione di 107 farmacie coinvolte, che hanno partecipato ad uno studio sui comportamenti dei pazienti affetti da patologie cardiovascolari durante le prime fasi della pandemia da Covid-19, in collaborazione con la Rete italiana di Neurocardiologie e il dipartimento di scienze internistiche, anestesiologiche e cardiovascolari dell’Università la sapienza di Roma. A rendere disponibile la pubblicazione è il Centro studi Mondo Farmacia, appendice dell’associazione cooperativa romana “Mondo Farmacia”, nata dai fondatori dell’omonimo gruppo social.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

L’esperienza dei farmacisti sul campo

L’indagine, presentata lunedì 14 settembre 2020, «ha rivelato che 20 farmacisti – spiega l’associazione – hanno avuto esperienza di pazienti con sintomi di allarme per infarto o ictus che hanno rinunciato a chiamare il 118 per evitare il rischio di contagio». In aggiunta a ciò «il 78% degli intervistati – si legge in una nota – ha dichiarato una significativa diminuzione delle domande da parte dei clienti sui problemi riguardanti la pressione arteriosa ed il 42% ha riscontrato un calo superiore al 30% della vendita dei prodotti per la cura dell’ipertensione. Ciò significa – evidenziano i responsabili dello studio – che da quando si è instaurata l’emergenza da Covid-19, lo spazio ed il tempo di ascolto delle persone si è drasticamente ridotto anche in un luogo così accessibile come la farmacia, tanto da compromettere la richiesta e la dispensazione dei normali sussidi per la salute cardiovascolare».

Potenziamento sul territorio dei servizi per la salute

«Un dato che va tenuto in grossa considerazione – commentano i responsabili della ricerca – nella consapevolezza che la lotta alla Covid-19 nella fase 2 si vincerà solo potenziando i servizi per la salute sul territorio per ridurre l’impatto sulle strutture di pronto soccorso. Gli ospedali dovranno invece far fronte ad un prevedibile aumento di eventi cardio e cerebrovascolari e di scompenso cardiaco ed un notevole allungamento delle liste d’attesa per prestazioni specialistiche ambulatoriali Spels Academy editoriale al numero 16-2020».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.