Il ruolo del farmacista nell’ambito della trasformazione del Sistema sanitario nazionale è oggetto di un approfondimento pubblicato sul numero di luglio 2021 della rivista Italian health policy brief (Ihpb). L’edizione, dedicata al tema “Il farmacista nel rinnovamento del Servizio sanitario nazionale: innovazione e ruolo per una figura cardine della sanità”, è stata presentata il 7 luglio 2021 nel corso di un evento online, al quale sono intervenuti alcuni degli autori della pubblicazione, tra cui Andrea Mandelli, presidente della Federazione ordini farmacisti italiani (Fofi) e vicepresidente della Camera, Marco Cossolo, presidente della Federazione nazionale titolari di farmacia (Federfarma), e Arturo Cavaliere, presidente della Società italiana di farmacia ospedaliera (Sifo).

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Mandelli (Fofi): «È tempo di sciogliere nodi da troppo tempo irrisolti»

Le riflessioni sul ruolo attuale e futuro del farmacista rientrano nel più ampio ripensamento del Servizio sanitario nazionale che, con l’emergenza Covid-19, ha rivelato i suoi punti di forza ma anche le sue criticità. Criticità che ora possono essere affrontate alla luce delle nuove opportunità derivanti dagli investimenti previsti alla misura 6 del Piano nazionale ripresa e resilienza (Pnrr), che ha messo oltre 15 miliardi di euro a disposizione della sanità. «L’esperienza di questi mesi di pandemia – ha dichiarato a questo proposito Andrea Mandelli – deve essere uno stimolo a sciogliere nodi da troppo tempo irrisolti, a maggior ragione ora che il Pnrr, con i finanziamenti previsti per le reti di prossimità e la digitalizzazione, può rappresentare una svolta. Tra questi nodi vi sono la riforma dell’assistenza territoriale e il potenziamento della rete ospedaliera: in questi ambiti il farmacista può e deve svolgere un ruolo trasversale. Sul territorio un modello di farmacia che va oltre la semplice dispensazione del farmaco avrebbe potuto dare un contributo ancora superiore a quello che già ha dato in questa emergenza, per garantire ai cittadini l’accesso alle cure».

Cossolo (Federfarma): «Accelerare sviluppo della farmacia e processo di territorializzazione»

Secondo i rappresentanti della farmacia, la trasformazione di quest’ultima deve rientrare nel potenziamento dell’assistenza territoriale al fine di offrire ai cittadini servizi sempre più personalizzati. «La pandemia – ha sottolineato Marco Cossolo – ha portato con sé un periodo di transizione e sta a noi coglierne le opportunità per accelerare lo sviluppo della farmacia e gestire il cambiamento in atto. Il processo di territorializzazione della sanità e i nuovi bisogni di salute dei cittadini ci impongono di trovare soluzioni efficaci e sostenibili per offrire servizi adeguati, altamente professionali e sempre più personalizzati. È questa la sfida che vogliamo vincere come parte integrante della rete di assistenza territoriale».

Cavaliere (Sifo): «Farmacisti territoriali e ospedalieri restino squadra»

Tra gli obiettivi da perseguire per il rinnovo della professione farmaceutica, Arturo Cavaliere evidenzia la necessità di continuare a potenziare la coesione e collaborazione tra i farmacisti territoriali e quelli ospedalieri. «Fare rete e squadra – sostiene Cavaliere – è l’elemento imprescindibile per puntare a progetti ambiziosi. I farmacisti ospedalieri, nello specifico, sono stati protagonisti nei trial clinici per il Covid-19, nella gestione dei vaccini, nella pubblicazione delle corrette istruzioni operative vaccinali che sono state riferimento per tutta la comunità nazionale. Così oggi l’obiettivo di un nuovo rapporto tra ospedale e territorio si raggiunge proprio attraverso una rinnovata relazione tra farmacisti ospedalieri e farmacisti di comunità».

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.