nuovi servizi socio sanitariCon l’accordo siglato oggi Federfarma e Federazione Sanità – Confcooperative hanno deciso di avviare un percorso comune per sviluppare un sistema in cui, grazie alla collaborazione con le cooperative sanitarie, sarà possibile offrire ulteriori vantaggi ai cittadini tramite le farmacie

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

L’accordo favorisce operativamente l’organizzazione e lo sviluppo della collaborazione tra le farmacie (Federfarma) e le società cooperative e i consorzi cooperativi di assistenza primaria (FederazioneSanità) che – avvalendosi della piattaforma informatica realizzata da Federfarma -forniranno servizi ai cittadini. La collaborazione prenderà corpo attraverso accordi di natura economica e organizzativa stipulati a livello locale per la fornitura dei servizi.

“Il servizio sanitario nazionale  sta affrontando una fase di profonda trasformazione che richiede la riconsiderazione dei ruoli tradizionali all’interno di un disegno integrato dei servizi di assistenza primaria come pilastro alternativo al ricovero ospedaliero improprio” ha dichiarato Giuseppe Milanese, presidente di Federazione Sanità Confcooperative. “La rete delle imprese cooperative e consortili multiprofessionali aderenti a Federazione Sanità – ha aggiunto Milanese – possiede un know how esclusivo nella costruzione e nella gestione di modelli innovativi di servizi medici, specialistici e socio-sanitari integrati di assistenza primaria. La cooperazione sanitaria rappresenta un attore primario dell’istituzione sanitaria, specie nell’ambito dell’assistenza primaria e si offre come partner della farmacia nella progettazione e nella gestione dei nuovi servizi sociosanitari”.

“Il Governo in questi anni ha in più occasioni sottolineato il ruolo che la farmacia può avere nel potenziamento dell’assistenza territoriale in un mondo in cui aumenta la cronicità e l’età media e l’accordo siglato oggi rientra nell’ottica di lavorare per mettere le farmacie in grado di svolgere al meglio i nuovi compiti che vengono loro affidati. Ai cittadini e alla collettività – ha osservato Annarosa Racca, presidente di Federfarma – possiamo dare piu’ servizi e piu’ salute solo se il Governo confermerà la sua volontà di continuare a garantire un elevato livello di assistenza farmaceutica ed eviterà scelte che favoriscono interessi meramente economici a scapito di tutta la popolazione ma soprattutto di malati e persone fragili.”

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.