nuove farmacie in pugliaBotta e risposta tra il consigliere regionale pugliese Mario Conca (M5S) e il presidente Michele Emiliano. Al centro della discussione, la ritardata apertura di 188 farmacie: «Con determinazione dirigenziale numero 115 del 1 aprile 2015 del Servizio Programmazione Assistenza Territoriale e Prevenzione – ha spiegato il consigliere, secondo quanto riportato dall’agenzia Agenparl – è stata approvata la graduatoria definitiva dei candidati del concorso straordinario per l’assegnazione delle sedi farmaceutiche di nuova istituzione e per quelle resesi vacanti a seguito delle scelte effettuate dai vincitori del concorso precedente. Essa ha validità di due anni dalla sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione ed essendo, ad oggi, trascorsi già 6 mesi da tale atto è inaccettabile il ritardo del procedimento concorsuale in assenza di una sospensiva che lo legittimi».
«Il provvedimento di apertura delle nuove farmacie – prosegue Conca – non comporta alcun mutamento quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale, né a carico degli enti debitori. L’apertura delle nuove sedi farmaceutiche, oltreché potenziare il servizio al cittadino, con una maggiore capillarità sul territorio, e raggiungere gli obiettivi in sé della legge 27/2012 in termini di sviluppo economico, genererà un indotto lavorativo coinvolgendo numerose imprese locali e nazionali collegate al comparto farmaceutico. È opportuno e doveroso dare delle risposte concrete alla aspettative di tanti, soprattutto giovani, professionisti che da oltre 2 anni, dopo tanti studi, sacrifici, dedizione alla propria professione aspettano di realizzare il proprio sogno».
«È inutile dire che la questione mi ha abbastanza meravigliato – ha risposto il presidente Emiliano – non credo si tratti di un problema di indirizzo politico. Questa è la classica risposta della burocrazia quando è in difficoltà». Si tratta, ha aggiunto, «di una complicatissima procedura nella quale, ancora una volta, ci sono interessi contrastanti. Quelli che hanno interesse a aprire e quelli che invece dall’apertura delle nuove sedi hanno tutto da perdere. Non è facilissimo. Io credo che il consiglio regionale, la giunta e anche i dirigenti si debbano fare carico di questa storia e non scaricarla semplicemente sulla giunta, anche perché evidentemente c’è un difetto del sistema che noi dobbiamo correggere. Siamo aperti a qualunque tipo di suggerimento tecnico da passare poi agli uffici. E comunque è esclusa l’ipotesi che il termine dei due anni possa scadere permanente il contenzioso. È evidente che questa sarebbe un’ulteriore assurdità che noi dobbiamo escludere, anche intervenendo eventualmente con provvedimenti specifici di sospensione della graduatoria».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.