Per fronteggiare l’epidemia da coronavirus sono diverse le misure messe in atto dai vari organi regionali. Tra queste, l’invio del Numero di ricetta elettronica per via telematica. Provvedimento reso operativo in tutte le regioni d’Italia. La Federazione per i servizi degli Ordini dei farmacisti della Lombardia, che riunisce gli Ordini di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Milano, Lodi, Monza Brianza, ha ritenuto opportuno fornire ulteriori delucidazioni in merito all’erogazione del servizio.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Con riferimento alle azioni messe in atto dalla Regione Lombardia, l’organo federale riepiloga in una circolare le varie procedure in essere. Più nel dettaglio «attivazione automatica di invio sms/email ai contatti noti». La procedura prevede che «ai cittadini che hanno fornito il contatto tramite il sito de Fascicolo sanitario elettronico (Fse) o presso gli sportelli di scelta e revoca è attivato automaticamente l’invio del con codice ricetta Nre via sms/email, ogni qual volta sarà disponibile una nuova ricetta dematerializzata Farmaceutica».

La Federazione degli ordini della Lombardia rende poi noto che, in merito al «nuovo servizio di attivazione sms tramite sito Fse», «nel sito del Fascicolo Sanitario Elettronico (Fse), all’indirizzo: https://www.fascicolosanitario.regione.lombardia.it/, gli assistiti lombardi che volessero attivare il servizio di notifica tramite sms, ma non hanno mai avuto modo di accedere al sito del Fse e non dispongono delle credenziali di autenticazione, possono attivare il servizio di invio del codice della ricetta (Nre) via sms senza necessità di autenticazione al sito». Nello specifico, «gli sms inviati conterranno sia il codice ricetta Nre sia la data di nascita del cittadino interessato al fine di favore il riconoscimento della persona a cui è stato prescritto un Nre nel caso di nuclei familiari che hanno fornito un solo numero di cellulare per più cittadini».

Tale servizio, conclude la Federazione lombarda, «è attivabile solo da utenti maggiorenni».

© Riproduzione riservata