«In autunno inizierà la campagna di richiamo Covid-19, la cosiddetta terza dose: quale è la strategia che metteremo in campo? Si accorperanno i due vaccini per le fasce deboli e gli operatori sanitari? Le farmacie saranno coinvolte e in grado di soddisfare le richieste dei cittadini?». Sono alcune degli interrogativi rivolti da Franco Gariboldi Muschietti, presidente di Farmacieunite, alle Regioni e al ministero della Salute. «Lo scorso anno – si legge in una nota del sindacato – le farmacie italiane non sono state rifornite di vaccini antinfluenzali da distribuire ai cittadini che, non rientrando nelle categorie a rischio, intendevano acquistare la propria dose di vaccino. Questo a causa di acquisti non sufficienti da parte delle regioni e della maggiore necessità dovuta alla situazione pandemica».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Le difficoltà di approvvigionamento

Dunque, la ricostruzione di Farmacieunite su alcuni recenti passaggi: «Il ministero della Salute – precisa la sigla -, tramite una circolare dell’8 aprile 2021, indica di anticipare l’inizio della campagna di vaccinazione antinfluenzale di un paio di mesi – a inizio ottobre – a causa del perdurare della situazione pandemica e per evitare il più possibile la circolazione concomitante del virus influenzale e il virus Sars-Cov-2». Poi «il 25 giugno 2021, il sottosegretario alla salute Andrea Costa, in Commissione Affari Sociali ha ripreso la circolare dell’8 aprile sollecitando le regioni ad avviare le gare per l’approvvigionamento e segnalando che la regione Friuli Venezia Giulia ha già comunicato al ministero di avere difficoltà di approvvigionamento del vaccino quadrivalente split e di aver chiesto alla regione Veneto, che ha accettato, 180mila dosi di vaccino quadrivalente split da utilizzare per i soggetti dai 6 mesi a 74 anni di età».

Lo sguardo all’autunno e la situazione in Italia

Nonostante ciò, Farmacieunite fa notare che «le gare indette fino a ora da parte delle regioni sono per quantitativi simili allo scorso anno e in alcune regioni le gare sono andate deserte». Gariboldi Muschietti evidenzia che «probabilmente la situazione che si presenterà quest’autunno sarà simile a quella dello scorso anno, con tira e molla sulle quantità di vaccini da distribuire tramite le farmacie, e alla fine non rimarranno che poche dosi che scontenteranno tutti: le farmacie per l’impossibilità di coprire i bisogni dei clienti e dei cittadini che non potranno immunizzarsi». Sempre sul fronte nazionale, come riportato a più riprese da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, la situazione evolve a macchia di leopardo. Con regioni che funzionano a tamburo battente mentre altre ferme al palo. Pur all’interno di uno stesso ambito regionale, inoltre, alcune provincie garantiscono il continuo approvvigionamento alle farmacie mentre in altre no.

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.