«Un taglio di 800 milioni è quanto prospetta la bozza della manovra per il 2021 esaminata dalla Ragioneria Generale di Stato per ridistribuire le risorse destinate alla spesa farmaceutica. Un ulteriore taglio dal 7,96% al 7.30% sulla spesa farmaceutica convenzionata in favore di quella ospedaliera e diretta è inaccettabile sia per il virtuosismo della spesa in convenzione, che nel 2019 è rimasta sotto il tetto di spesa di 913,71 milioni di euro contro una spesa incontrollata che sfora il budget previsto di 2,6 miliardi per l’acquisto diretto di farmaci, sia per la consapevolezza, che l’attuale pandemia ha evidenziato, dell’importanza del presidio territoriale delle farmacie e dei medici di medicina generale». È il commento di Franco Gariboldi Muschietti, presidente di FarmacieUnite, a margine della presentazione della bozza di manovra per il 2021.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il rischio dello sfondamento della convenzionata

«La stima del taglio di 800 milioni di euro – evidenzia Muschetti – mette a rischio di sfondamento della spesa convenzionata con l’attivazione obbligatoria del ripiano da parte delle farmacie che sui farmaci dispensati tramite ricetta non hanno quasi margine e consentirebbe invece alle regioni un incremento del budget di spesa per gli acquisti diretti disincentivando ulteriormente lo spostamento dei farmaci dalla diretta alla convenzionata. È la prosecuzione di un sistema che impoverisce la professione del farmacista non fornendo la farmacia di tutti i medicinali non soggetti a particolari controlli clinici e favorendo la distribuzione diretta dei farmaci senza pensare minimamente alle necessità dei pazienti e dei loro familiari».

L’importanza della medicina territoriale e delle farmacie

«Un trend impietoso – prosegue Muschietti – che da anni non vede curvature positive, e mai come in questo momento lascia oltre che amareggiati anche un po’ sorpresi. Dall’inizio della pandemia ci si è resi conto ampiamente dell’importanza della medicina territoriale e del ruolo delle farmacie come presidio imprescindibile insieme ai medici di medicina generale. Occorrerebbe un piano esattamente opposto, che preveda il ritorno alla prescrizione dei farmaci oggi dispensati direttamente da parte dei medici di medicina generale, della loro distribuzione in farmacia e di un nuovo modello di remunerazione non solo basato sui farmaci venduti e sugli sconti progressivi in base al costo (che riduce il margine all’aumentare del costo del farmaco) ma anche sulla prestazione professionale del farmacista. Argomento che FarmacieUnite ha sempre sostenuto».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.