Come riportato da FarmaciaVirtuale.it ai propri lettori, lo scorso 11 giugno Marco Cossolo e Giovanni Petrosillo sono stati confermati rispettivamente presidenti di Federfarma e Sunifar per il triennio 2020-2023. Il rinnovo del mandato ha suscitato diverse reazioni tra cui quella del Movimento nazionale liberi farmacisti (Mnlf), il cui presidente, Vincenzo De Vito, ha affidato ad una nota stampa alcune dichiarazioni seguite alla pubblicazione di un articolo apparso su un giornale di categoria in cui si faceva riferimento alla possibilità di affrontare la questione parafarmacie.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Purtroppo – evidenzia Devito – dalle parole di Cossolo nel descrivere il suo programma per i prossimi tre anni traspaiono in maniera chiara sentimenti poco rassicuranti per l’intera categoria, sentimenti che continuano nelle politiche di divisione che Federfarma sta perseguendo ormai da anni e che non sono cessate nemmeno durante l’emergenza pandemica. Invece di riflettere sui propri fallimenti degli ultimi tre anni, sulle figuracce fatte anche durante la pandemia (questione mascherine-Arcuri), si rilancia ponendo sotto ricatto per il rinnovo del contratto i propri dipendenti e minacciando migliaia di posti di lavoro attraverso l’intento di chiudere le parafarmacie».

Ciò giungendo alla conclusione che «se il presidente di Federfarma ha intenzione di continuare la propria crociata contro parte della categoria – evidenzia De Vito -, se ne assuma le responsabilità, noi continueremo a difenderla senza odiare nessuno, ma cercando quelle pari opportunità che evidentemente non sono nel vocabolario di Federfarma, i cui dirigenti sono da troppo tempo abituati a pensare solo al proprio profitto da dimenticare l’interesse generale di una intera professione».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.