Gli effetti del Covid-19 continuano a farsi sentire per quanto attiene le diverse modalità di accesso ai prodotti salutistici. A confermare il cambiamento è l’analisi di Iqvia, provider globale di dati in ambito sanitario e farmaceutico, che ha fotografato l’andamento del mercato online del 2021, confrontato con i dati del 2020. Secondo Iqvia «in Italia continua il trend di crescita delle vendite online a doppia cifra passando da 383,1 milioni di euro nel 2020 a 437,3 milioni nel 2021. Questo aumento è ancora più accentuato se confrontato con il 2019, anno pre-pandemico, durante il quale sono stati acquistati prodotti da farmacia per un totale di 229,6 milioni di euro. Infatti, le vendite online nel 2021 hanno segnato un +14% rispetto al 2020 e un +90% rispetto al 2019». Quanto al peso dell’online sul totale, Iqvia evidenzia che «considerando che in Italia è possibile vendere online soltanto i prodotti commerciali e non i prodotti etici, il fatturato dell’e-commerce ha pesato per circa il 4% del mercato nel 2021».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

I fattori che hanno contribuito all’incremento delle vendite online

Quali sono i fattori che hanno influenzato le vendite online? In che modo le abitudini di accesso sono state modificate nel corso dei mesi? Iqvia conferma che «per quanto riguarda i prodotti da farmacia uno dei principali fattori che spinge il consumatore all’e-commerce è il prezzo. Inoltre, su Internet il cliente ha la possibilità di confrontare i prodotti, le offerte e gli sconti e di acquistare il bene al prezzo più competitivo. Ma ci sono anche altri parametri che influenzano la decisione, per esempio, per alcuni, è importante la riservatezza, l’acquisto on-line permette al consumatore di mantenere l’anonimato fisico». In aggiunta a tali fattori «gioca un ruolo importante la comodità di fare shopping 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana senza dover uscire di casa. Elemento non trascurabile specialmente se si è ammalati».

Le macrocategorie di prodotti

Nel rapporto presentato Iqvia ha fornito un quadro delle macrocategorie di prodotti oggetto dell’incremento. Si tratta di «integratori notificati (vitamine, minerali, probiotici, prodotti per i capelli e le unghie, etc.)» i quali «hanno complessivamente fatturato 215,2 milioni in aumento del 17% rispetto al 2020». Quanto al comparto cura della persona – costituito da cosmetici, creme, shampoo – «ha registrato vendite online per 141,3 milioni di euro in aumento del 12,3%. Mentre i farmaci di automedicazione hanno aumentato il loro fatturato del 7,7% a 45,0 milioni di euro. La categoria dei dispositivi medici in cui rientrano le mascherine, gli ossimetri, i termometri, etc. ha fatturato 141,3 milioni di euro con un aumento rispetto al 2020 del 12,3%. Da ultimo, i prodotti nutrizionali (latti in polvere, alimenti per celiaci, etc.) sono aumentati del 17,7% a 12 milioni di euro».

Prodotti per la bellezza femminile

Inoltre «la prima sottocategoria a valori è stato quello dei prodotti per la bellezza femminile che hanno totalizzato un fatturato di 59,6 milioni di euro (+13,8% rispetto al 2020). Questa categoria è stata tallonata dagli integratori vitaminici e minerali che hanno registrato vendite per 52,7 milioni con una crescita del fatturato online del 15,3%». A questi si aggiungono gli analgesici da banco che «hanno totalizzato un fatturato di 21,5 milioni di euro in aumento del 17,4% rispetto all’anno precedente. Soltanto la categoria dei prodotti per tosse e raffreddore ha visto un leggero calo a valori del 1,4% a 20,5 milioni di euro, mentre nel 2020 aveva visto un aumento del 127% rispetto al 2019».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.