settore-farmaceuticoI primi nove mesi del 2012, dati alla mano, non promettono buone speranze per il mercato farmaceutico italiano. I dati relativi alle vendite del 2012 fotografano un settore in sofferenza, con una profonda contrazione dei fatturati e del numero di confezioni dispensate.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Tale andamento che probabilmente risente degli effetti dei vari decreti sul contenimento della spesa sanitaria e farmaceutica pubblica, riguarda principalmente i farmaci totalmente a carico del cittadino.

Secondo il centro studi ANIFA, supportato dalle rivelazioni IMS Healt, se alcune categorie rimborsate dal SSN osservano un moderato aumento in termini di confezioni dispensate a fronte di una diminuzione del valore, il comparto dei farmaci non rimborsabili registra diminuzioni sia nel numero di confezioni che nella spesa.

Stessa sorte per i farmaci senza obbligo di ricetta, che vedono un crollo del 5% del numero di confezioni acquistate a fronte di un cavo dei ricavi del 3,5%.

I dati definitivi del 2012 potrebbero subire lievi variazioni in funzione dell’andamento della sindrome influenzale e del mercato degli invernali, compresi i farmaci di automedicazione.

Farmacie impegnate nel recupero dell’efficienza

Mercato farmaceutico in flessione e maggiori attenzioni, da parte delle farmacie, nel controllo dei processi organizzativi e gestionali.

In pratica le farmacie, per quanto concerne il rapporto esclusivo con l’SSN, hanno lavorato di più, dovendo sostenere maggiori volumi, incassando meno.

Più oculatezza nelle politiche di acquisto e vendita, nell’organizzazione del magazzino, ma anche razionalizzazione degli investimenti in infrastrutture e servizi e, in molte realtà, rinuncia agli status symbol che per anni hanno bollato la categoria come appartenente ad un’area privilegiata.

Mercato farmaceutico, ANIFA e Federchimica

L’ANIFA è l’Associazione Nazionale dell’Industria Farmaceutica dell’Automedicazione e rappresenta i produttori di farmaci di automedicazione.

Fa parte delle Associazioni di Federchimica (Federazione Nazionale dell’Industria Chimica) e viene costituita come Gruppo specialità farmaceutiche da banco in seno all’Aschimici il 15 dicembre 1970; il 14 dicembre 1984 assume il nome di Assosalute per divenire Anifa nel settembre del 2000.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.