«I farmaci col bollino rosso confermano le previsioni e il 2019 si è chiuso registrando un andamento delle vendite in linea con i trend di lungo periodo. I fatturati sono stati di 2,5 miliardi di euro, stabili pur con un segno negativo (-0,2%), mentre i consumi poco più di 266 milioni di confezioni registrano una sensibile contrazione rispetto al 2018 (-3,3%)». È questo in sintesi il giudizio conclusivo dell’Associazione nazionale farmaci di automedicazione (Assosalute), che riunisce le aziende italiane e internazionali che producono e commercializzano in Italia farmaci di automedicazione, nel suo ultimo rapporto pubblicato relativo all’andamento dei farmaci di automedicazione.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Secondo quando evidenzia l’associazione «la ragione del calo del numero di confezioni vendute nel 2019 è da ricercare nella minore incidenza delle sindromi influenzali e da raffreddamento della stagione influenzale 2018/2019 rispetto a quella precedente». Situazione che Assosalute ritiene essere legata «sul breve periodo, alla stagionalità e quanto, più in generale, siano determinati dalla comparsa di specifici disturbi, mentre la spesa beneficia della variazione del mix di consumo verso nuovi prodotti e nuove confezioni. Nonostante il mercato rilevi segnali di innovazione in termini di diversificazione dell’offerta e lanci di nuovi prodotti, risente però strutturalmente della diversa propensione alla spesa out of pocket tra il Nord e il Sud del Paese e della mancanza dell’allargamento dell’offerta a nuove aree terapeutiche e a principi attivi non ancora disponibili come farmaci Otc in Italia, a differenza di quanto avviene in altri Paesi europei».

In un rapporto pubblicato lo scorso luglio la sigla aveva riferito «un settore che stenta a crescere e che risente anche della concorrenza al banco del farmacista di prodotti per la salute diversi dai farmaci per i quali, anche a maggio, si osserva un aumento delle vendite che riguarda gli integratori e altri prodotti (+2,3% a volumi, +4,0% a valori) rispetto a erboristici e omeopatici, invece, in flessione»

© Riproduzione riservata