«È stato osservato che nei pazienti che assumono biotina si possono riscontrare risultati erroneamente alti oppure erroneamente bassi per alcune indagini di laboratorio clinicamente rilevanti. Tali risultati non attendibili possono portare a una gestione inappropriata del paziente o ad una diagnosi errata». È quanto comunica l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) in una nota di lunedì 24 giugno 2019. A titolo di esempio, sottolinea l’Agenzia, «un risultato falsamente basso per la troponina può portare a una mancata diagnosi di infarto, con implicazioni cliniche potenzialmente gravi. La biotina può anche determinare dei risultati per i test della tiroide che mimano la malattia di Graves, e comportare quindi un trattamento non necessario con farmaci antitiroidei».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Con riferimento ai soggetti potenzialmente coinvolti, l’Aifa evidenzia che «il rischio di ottenere risultati falsati delle indagini di laboratorio a causa della biotina è maggiore nei pazienti con insufficienza renale, poiché è probabile che abbiano concentrazioni di biotina più elevate nel sangue e tempi di eliminazione più lunghi». In aggiunta a questi, anche i «pazienti affetti da sclerosi multipla esposti ad alte dosi di biotina (fino a 300 mg al giorno) negli studi clinici», ed infine i «bambini con malattie metaboliche rare (deficit di biotinidasi, deficit di olocarbossilasi sintetasi, gangli basali sensibili alla biotina-tiamina), poiché dipendono da alte dosi di biotina». Ne consegue che, alla luce di quanto evidenziato, i farmacisti dovranno «informare sempre i pazienti sul rischio di interferenza con le indagini di laboratorio», al momento della dispensazione di medicinali a base di biotina come monocomponente o in associazione.

Tra i farmaci interessati, «quelli che hanno un contenuto di biotina ≥150 mcg per dose unitaria, per le forme orali, e di ≥60 mcg per dose unitaria, per le forme parenterali». Vale a dire Diathynil 5 mg compresse, Diathynil 5 mg soluzione iniettabile – Alfsigma S.p.A.; Cernevit polvere per soluzione iniettabile – Baxter S.p.A.; Biodermatin 5 mg compresse, Biodermatin 20 mg granulato effervescente – Alliance Pharma S.r.l.; Soluvit polvere per soluzione per infusione – Fresenius Kabi Italia S.r.l.; Envita polvere per soluzione per infusione – B. Braun Melsungen AG; Nebiotin 5 mg compresse – Difa Cooper S.p.A.; Becozym compresse gastroresistenti, Elevit compresse – Bayer Spa.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.