Medicina 2014 Il 2014 sarà un anno molto importante per la medicina in virtù di tante novità e sperimentazioni per quel che riguarda i nuovi trattamenti e le nuove terapie nel mondo scientifico. In merito Medscape, noto portale specializzato nella medicina e nella ricerca scientifica, ha fatto il punto della situazione su quelli che sono gli ultimi trend nel settore a partire dai test di laboratorio per i quali sono attesi dei cambiamenti epocali.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Questo perché sono stati compiuti importanti progressi per cui i test di laboratorio saranno non solo più sensibili, ma anche in grado di avere una maggiore capacità e specificità di rilevazione. Nel settore della cardiologia le prime novità sono intanto arrivate nello scorso mese di novembre del 2013 con le nuove linee guida nella gestione del rischio cardiovascolare.

Trattasi, nello specifico, dell’aggiornamento dell’ATP, l’Adult Treatment Panel che è stato pubblicato dall’American Heart Association e dall’ACC, l’American College of Cardiology. E nel corso del 2014 sono attesi risultati importanti per la cardiologia da studi come l’Improve.IT su ben 18 mila pazienti affetti da sindrome coronarica acuta recente, ed il Symplicity HTN-3 su un campione di pazienti con ipertensione non controllata. E’ già realtà invece l’impianto CoreValve della Medtronic, colosso delle tecnologie biomediche, che è in grado di ripristinare il flusso sanguigno in presenza di un restringimento della valvola aortica.

Per quel che riguarda la lotta all’epatite C la nuova frontiera è rappresentata dai trattamenti orali, mentre nel campo dell’oncologia i prossimi importanti sviluppi dovrebbero arrivare dalla cosiddetta medicina di precisione. In merito c’è non a caso grande attesa sul sequenziamento dei geni, ed in particolare sulla ricerca se questa sarà in grado di portare in tempi brevi a tutta una serie di studi clinici che a livello statistico possano rivelarsi significativi.

Questo è quanto, tra l’altro, proprio al portale specializzato Medscape ha rivelato il professore David Kerr che scommette sul fatto che sui tipi di tumore i tempi siano maturi per segmentarli ulteriormente in base ai sottotipi che sono basati sui cosiddetti biomarcatori. Professore di Oncologia Medica presso l’Università di Oxford, David Kerr è stato anche il Presidente dell’ESMO, l’European Society for Medical Oncology.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.