Ancora pochi giorni per inviare la propria candidatura al Master in Scienza e tecnologia cosmetiche, attivato anche per l’anno accademico 2019-2020 dal Dipartimento di Farmacia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II. Tra gli obiettivi principali, quello di «fornire le conoscenze teoriche e pratiche delle molteplici discipline comprese nell’ambito della Scienza e della Tecnologia dei cosmetici, volte a formare una figura di laureato specializzato da inserire ai vertici del mondo cosmetico per competenze e formazione», ma anche «garantire al professionista gli strumenti necessari per inserirsi a pieno titolo nel mondo del lavoro, sia come libero professionista che come dirigente dipendente d’azienda, nella qualità di direttore tecnico d’azienda cosmetica, responsabile del settore R&D, Marketing Manager, responsabile del Controllo Qualità, responsabile della produzione nonché dirigente di strutture sanitarie locali o nazionali».

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

Potranno accedere al master i laureati che hanno conseguito le lauree specialistiche in farmacia (14/S), chimica e tecnologia farmaceutiche (14/S), medicina e chirurgia (46/S), scienze chimiche (62/S), scienze biologiche (6/S), biotecnologie farmaceutiche (9/S) o anche diplomi analoghi conseguiti con normativa antecedente al D.M. 509/1999 o titolo equipollente conseguito in uno degli Stati Membri dell’Unione Europea. Il master, articolato su due anni, sarà ripartito tra didattica frontale, esercitazioni di laboratorio, visite didattiche presso aziende cosmetiche e partecipazione a convegni/seminari di settore. Durante il secondo anno del percorso formativo è previsto un periodo di stage/tirocinio presso aziende del settore, convenzionate con l’Università. Per partecipare è necessario inviare la candidatura entro il 24 gennaio 2019, reperendo le informazioni necessarie al sito www.farmacia.unina.it.

© Riproduzione riservata