master discipline regolatorie paviaUn master biennale post laurea finalizzato a formare figure professionali specializzate che sono richieste dalle Autorità e dalle imprese che operano nel settore sanitario ed in quello industriale. E’ questo l’obiettivo per cui, sul biennio accademico 2013-2015, l’Università degli Studi di Pavia ha attivato il master universitario di secondo livello in “Discipline Regolatorie – G. Benzi”.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Presso il dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Lazzaro Spallanzani”, il master biennale avrà complessivamente una durata di 3.000 ore per laureati che poi potranno trovare occasioni di impiego, tra l’altro, presso le industrie farmaceutiche, le ASL, gli ospedali e presso e unità operative a livello locale, regionale e nazionale.

Sono ben 120, 60 per anno, i Crediti formativi universitari (Cfu) che si possono acquisire partecipando al master di secondo livello in Discipline Regolatorie che è articolato, oltre che in lezioni frontali e nel lavoro e nello studio individuale, anche in seminari, stages e gruppi di lavoro. Già al termine del primo anno è previsto un test, scritto e/o orale, e poi dodici mesi dopo a conclusione del master occorrerà presentare e discutere una tesi basata su un work project attinente con le tematiche apprese.

Il master universitario di secondo livello in “Discipline Regolatorie – G. Benzi” dell’Università di Pavia presso il dipartimento di Biologia e Biotecnologie “Lazzaro Spallanzani” sarà attivato con un minimo di 10 iscritti e comunque per un massimo di 30 ammessi.

Possono presentare domanda di iscrizione al master i possessori di diploma di laurea specialistica in Biologia, Farmacia e farmacia industriale, Medicina e Chirurgia, Biotecnologie industriali, Medicina veterinaria, Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche; Giurisprudenza, Scienze e tecnologie della chimica industriale, Statistica per la ricerca sperimentale, Scienze chimiche, Statistica economica, finanziaria ed attuariale; Scienze economico-aziendali.

I possessori di diploma di laurea magistrale in Biotecnologie mediche, veterinarie e farmaceutiche, Biologia, Farmacia e farmacia industriale, Biotecnologie industriali, Medicina e Chirurgia, Scienze e tecnologie della chimica industriale, Giurisprudenza, Scienze chimiche, Medicina veterinaria, Scienze statistiche attuariali e finanziarie, Scienze economico-aziendali, Scienze Statistiche. Ed ancora coloro che, in base al previgente ordinamento, hanno ottenuto il diploma di laurea in Economia, Chimica, Chimica e tecnologia farmaceutiche, Medicina e Chirurgia, Farmacia, Veterinaria, Giurisprudenza, Scienze Naturali e Scienze Biologiche.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.