Parte delle reazioni a livello globale in seguito alla diffusione del coronavirus prima ancora che coinvolgere i governi passano direttamente per i cittadini. Si amplifica sempre di più in queste ore la rincorsa all’acquisto di mascherine protettive presso le farmacie territoriali. Sebbene diversi infettivologi sostengano che le maschere chirurgiche che coprono le vie respiratorie superiori possano contribuire a rendere difficile il passaggio del coronavirus, gran parte degli studi che analizzano l’efficacia delle mascherine riguarda personale sanitario e non persone comuni che, a causa del possibile errato impiego, potrebbero compromettere l’efficacia protettiva. A fornire alcune informazioni sugli andamenti è Crescenzo Cinquegrana, farmacista dirigente della Guacci Distribuzione Farmaceutica, azienda operante in Campania, Puglia, Lazio e regioni limitrofe.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

«Confermo – evidenzia Cinquegrana – che la rincorsa alle mascherine ha avuto inizio. Il fenomeno è in realtà partito a metà gennaio, ma solo in questi ultimi giorni sta avendo il suo picco. Ciò parallelamente alla diffusione delle notizie sulla stampa e al risalto mediatico dato all’evento su scala mondiale». Quanto al dispositivo medico, Cinquegrana puntualizza che «è un articolo che trattiamo sempre, ma che certamente in periodi come questo ha preso il sopravvento rendendo insufficiente anche la disponibilità da parte degli stessi produttori. In ogni caso il ritorno delle disponibilità dovrebbe essere – salvo complicazioni – assicurato entro qualche giorno. I farmacisti interessati ad acquistare tali dispositivi dovrebbero rassicurare i pazienti e capire con loro gli effettivi usi che ne intendano fare: sono sicuro che molti acquisti siano frutto di una psicosi e non di una necessità reale».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.