fiafantLa Federazione italiana Associazioni farmacisti non titolari (Fiafant) si è associata al coro di auguri che sono giunti alla nuova presidenza di Federfarma nazionale, in seguito alle elezioni del 30 maggio 2017. «Fiafant si congratula con il dottor Cossolo, la dottoressa Pagliacci e tutto il nuovo consiglio di presidenza di Federfarma per il consenso raccolto attorno alla loro proposta “Farmacia Futura”, apprezzandone in particolar modo la dichiarata volontà di riaprire al più presto la trattativa di rinnovo del contratto nazionale», ha spiegato in un comunicato il presidente dell’associazione Benedetta Mariani. «Nell’augurare buon lavoro al consiglio di presidenza – ha aggiunto – e al nuovo presidente, Fiafant auspica che ci siano al più presto da parte di Federfarma atti concreti per l’avvio del tavolo con le organizzazioni sindacali firmatarie del contratto, dopo l’incontro esplorativo dello scorso 21 aprile». La questione del rinnovo del contratto di lavoro per i farmacisti collaboratori ha rappresentato a lungo un motivo di attrito tra Fiafant e Federfarma. Intervistata da FarmaciaVirtuale.it, la stessa Mariani aveva spiegato prima delle elezioni di auspicare «che chiunque guidi Federfarma tenga presente la necessità di una revisione profonda delle condizioni contrattuali dei collaboratori. Non si può pensare che la pharmaceutical care riguardi solo il titolare. Se il futuro è la farmacia dei servizi, i titolari dovranno farla assieme ai collaboratori. Si dovrà arrivare assieme all’appuntamento». Dopo l’insediamento dei nuovi dirigenti di Federfarma, la farmacista ha aggiunto di condividere in pieno «la visione secondo la quale i collaboratori sono parte integrante del valore aggiunto della farmacia, una risorsa che merita investimenti e riconoscimenti, come dichiarato poco tempo fa dal nuovo presidente Cossolo. Riteniamo che sulla base di questo riconoscimento si debba procedere insieme a un necessario consolidamento dei diritti (malattia, maternità, formazione) anche tramite gli strumenti della bilateralità. E a un incremento economico non più rinviabile dopo 52 mesi dalla scadenza del contratto».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata



Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.