fnpi parafarmacieMatteo Branca è in rampa di lancio per prendere il posto di Davide Giuseppe Gullotta alla presidenza della Federazione Nazionale Parafarmacie Italiane. Starà al direttivo dell’associazione di categoria ratificare il passaggio di consegne: nel frattempo il probabile nuovo numero uno della sigla delinea il suo futuro impegno e la propria visione della “questione parafarmacie”. «La nostra azione sindacale – spiega – è sempre stata improntata alla strenua e trasparente difesa delle prerogative del farmacista operante in parafarmacia. Innegabile è la dicotomia tra una abilitazione statale a gestire tutti i farmaci e il divieto di farlo, se non tra le mura della farmacia. Con quest’ultima che è legittimata in quanto luogo di dispensazione, al netto di convenzione e mutua, proprio dalla presenza del farmacista stesso, e da null’altro, se non da dinamiche di sostenibilità certamente condivisibili, ma quantomeno rivisitabili nell’ottica di un ragionevole, sensato, condiviso, concertato riassetto del sistema di distribuzione del farmaco». In altre parole, secondo Branca è la presenza del farmacista che dovrebbe fare la differenza e non il luogo nel quale esso esercita. «Non è più il tempo – aggiunge il probabile nuovo presidente della FNPI – di singoli provvedimenti, di palliativi, di pezze messe su ponfi sintomatici di un guazzabuglio ben più ampio. È tempo di avere, di creare un’idea chiara di quale sistema di distribuzione del farmaco vogliamo: confusionario, litigioso, dispersivo, tellurico, oppure stabile, lubrificato, efficiente, armonico». Di qui la richiesta avanzata ad altre organizzazioni della professione: «Per raggiungere l’obiettivo è ovvio che serve la volontà di tutte le parti in causa di trovare un accordo. Dai colleghi tutti fino alla Federfarma di Marco Cossolo, passando per la politica e l’Ordine di Andrea Mandelli e Luigi d’Ambrosio Lettieri, che ringrazio della disponibilità manifestata. Insieme potremo scongiurare il rischio del ripresentarsi annoso e straziante di altre battaglie fratricide e strali politici che costeranno molto caro a tutti, condannandoci all’irrilevanza».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.