La lotteria degli scontrini è al nastro di partenza. Dopo le ipotesi ventilate nel corso della scorsa estate, l’operazione prende forma con la pubblicazione delle specifiche tecniche finalizzate all’avvio, il primo gennaio 2020, della nuova misura che dovrebbe consentire l’incremento del numero di transazioni fiscalizzate, sulla base delle esperienze di altri paesi europei e mondiali in cui questo sistema è già presente. È bene precisare che, come comunicato dalla stessa Agenzia delle entrate, la novità non riguarda nelle prime fasi medici e farmacie. «Esclusi – si legge una nota – , fino al 30 giugno 2020, i soggetti già tenuti all’invio dei dati al Sistema tessera sanitaria, come medici e farmacie».

Per tutte le altre attività, l’Agenzia ha spiegato che «entro il 31 dicembre 2019 tutti i modelli di registratori telematici e la procedura web messa a disposizione nell’area riservata del sito dell’Agenzia delle entrate sono configurati per consentire la trasmissione dei dati necessari per la lotteria degli scontrini (Legge n. 232/2016)». Nel dettaglio, «nel momento in cui viene effettuata l’operazione, tali strumenti permetteranno di acquisire, anche tramite lettura ottica, il “codice lotteria” del cliente. Quest’ultimo è un codice identificativo univoco che il consumatore finale genererà sul “portale della lotteria”. Fino al 30 giugno 2020 non possono “partecipare” alla lotteria i corrispettivi certificati tramite i registratori telematici dei soggetti già tenuti a inviare i dati al Sistema tessera sanitaria».

Alla luce di quanto evidenziato dall’Agenzia delle entrate, dunque, dopo il 30 giugno 2020 anche le farmacie dovrebbero essere coinvolte alla partecipazione della Lotteria degli scontrini. Ciò nonostante, come più volte riportato dalle cronache, le farmacie rientrano tra le attività con un più alto numero di aderenza alla norma, probabilmente per la possibilità concessa ai pazienti di poter detrarre fiscalmente le spese di farmaci e dispositivi medici, che appunto li spinge a chiedere puntualmente l’emissione di ogni scontrino.

© Riproduzione riservata