Il Pharmaceutical group of European Union (Pgeu) ha redatto un position paper in merito alla revisione della legislazione farmaceutica nell’ambito dell’Unione Europea. Il Gruppo ritiene la revisione necessaria per soddisfare le esigenze dei pazienti e agevolare l’accesso ai farmaci. «I farmacisti della Comunità Europea – si legge nel documento – accolgono con favore una revisione generale della legislazione farmaceutica dell’UE come uno strumento per aiutare a garantire la fornitura europea di medicinali sicuri e convenienti per soddisfare le esigenze dei pazienti e per supportare la sostenibilità finanziaria e la resilienza dei sistemi sanitari». Per raggiungere questi e altri obiettivi, che il Pgeu indica nel suo position paper, il Gruppo ritiene necessario un audace intervento a livello politico, nel rispetto delle diversità legislative tra un paese e l’altro.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

«L’UE abbia ruolo preminente»

Come il Pgeu sottolinea, l’azione politica è fondamentale perché le iniziative intraprese e le normative del settore farmaceutico siano coordinate e vadano a vantaggio tanto dei pazienti quanto degli operatori sanitari. «Sia la pandemia da Covid-19 in corso sia l’inaccettabile e sempre più negativo impatto che la carenza di farmaci ha sull’accesso ai medicinali da parte dei pazienti richiede azioni audaci, ambiziose e coordinate a tutti i livelli politici. L’Unione europea ha il potere, nell’ambito delle sue competenze, di svolgere un ruolo preminente nella definizione e coordinamento di politiche che portino soluzioni significative ai pazienti e agli operatori sanitari in tutta Europa, nel rispetto delle differenze organizzative dei sistemi sanitari in ambito UE. A questo proposito, il Pgeu sostiene che la revisione confermerebbe la natura della normativa sotto forma di direttiva per salvaguardare la flessibilità inerente al processo di recepimento e l’adeguamento alle esigenze delle condizioni sociali, culturali, demografiche e geografiche di ciascuno Stato membro».

Gli obiettivi da perseguire secondo il Pgeu

Il position paper del Pgeu specifica una serie di obiettivi ai quali la revisione generale della legislazione farmaceutica dovrebbe mirare. Questi toccano diversi temi molto attuali, quali le esigenze dei pazienti, la sostenibilità del settore farmaceutico europeo e le problematiche ambientali. Gli obiettivi indicati nel documento si dividono pertanto tra tutti questi ambiti e sono: «garantire maggiore accesso e disponibilità di farmaci ai pazienti, creare un quadro normativo adeguato che metta le esigenze dei pazienti al centro e sfrutti i vantaggi delle opportunità digitali, garantire l’accessibilità ai farmaci per i pazienti e la sostenibilità finanziaria e fiscale dei sistemi sanitari, supportare l’influenza e la competitività dell’UE a livello globale, ridurre la dipendenza diretta – per quanto riguarda la produzione – da paesi extra-UE, cercare condizioni di parità per gli operatori dell’Unione, ridurre l’impatto negativo dei prodotti farmaceutici sull’ambiente e combattere l’antibiotico-resistenza». Per ognuno di questi obiettivi, il Pgeu propone anche una serie di azioni concrete da mettere in pratica.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.