85% degli iscritti Amazon PrimeL’85% dei membri di Amazon Prime che hanno un’assicurazione sanitaria sarebbero disposti ad acquistare farmaci con obbligo di prescrizione medica direttamente dal sito web del rivenditore online, è quanto emerge da un recente sondaggio effettuato da Deutsche Bank, che vede nel colosso e-commerce la prima scelta di investimento nel comparto Internet a grande capitalizzazione.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Il crescente interesse degli utenti, combinato con l’annunciata acquisizione da parte di Amazon della farmacia online PillPack e del suo servizio Prime, posizionerebbe l’azienda su un percorso inevitabile verso un ruolo più ampio nel settore farmaceutico. Ad affermarlo è Lloyd Walmsley, l’analista di Deutsche Bank: «Amazon ha una storia di avvio di piccole dimensioni, con test di mercato e messa a punto del servizio prima di avviare un’operazione commerciale a pieno titolo. Dunque crediamo che sia una questione di quando e dove -e non se- Amazon entrerà nel comparto sanitario con più forza».

Amazon ha annunciato l’intenzione di acquisire PillPack a giugno scorso, scatenando un’ondata di vendite di titoli di aziende leader nella distribuzione di farmaci come Cardinal Health e McKesson, e di quelle specializzate nella vendita di farmaci come CVS Health e Rite Aid. I termini dell’accordo non sono stati resi noti, ma gli esperti del settore hanno dichiarato alla CNBC che Amazon ha pagato circa 1 miliardo di dollari.

Nel breve termine il colosso di Seattle dovrebbe essere in grado di affrontare un mercato di farmacie per corrispondenza del valore di circa 22 miliardi di dollari e se è vero che potrebbero passare anni prima che Amazon predomini in un settore altamente regolamentato come quello farmaceutico, rimangono alcune opportunità iniziali. A spiegarlo è ancora Walmsley: «Per Amazon, che ha una vasta gamma di opzioni alimentari sane e organiche a Whole Foods, e la possibilità di ordinare articoli usando i comandi vocali (Alexa), riteniamo che l’opportunità di vendere prodotti farmaceutici agli acquirenti sia sostanziale». Infatti una volta he l’affare Amazon-PillPack sarà concluso entro la fine dell’anno, il CEO di Amazon Jeff Bezos dovrebbe essere in grado di utilizzare i 450 punti vendita Whole Foods dell’azienda come nuovi punti di raccolta di farmaci. Col tempo, il guadagno potrebbe essere impressionante.

Una prospettiva, questa, diametralmente opposta a quella espressa sul Pharmacy Times dai farmacisti, che vede nella nuova mossa di Amazon più che una minaccia, un’occasione per migliorare il servizio delle farmacie fisiche e puntare sul valore aggiunto del rapporto diretto con il farmacista, la figura professionale dovrebbe rimanere punto di riferimento per i pazienti, con un ruolo guida nella gestione delle terapie prescritte.

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.