«É online, sul sito dell’Agenzia delle entrate, la funzionalità informatica che consentirà, a partire dal primo marzo e fino al 31 dello stesso mese, di prenotare il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari effettuati e/o da effettuare nel 2022, trasmettendo l’apposita comunicazione». A farlo sapere è l’Agenzia delle Entrate, la quale ha reso noto che «la piattaforma è accessibile dall’area riservata, seguendo il percorso Servizi – Agevolazioni – Comunicazione credito d’imposta investimenti pubblicitari, tramite Spid, Cie, Cns, Entratel o Fisconline».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

Misura del 50% sull’investimento

La stessa Agenzia ha ricordato che «l’agevolazione, che come lo scorso anno spetta nella misura del 50%, va prenotata, in quanto l’ammontare complessivo dei crediti richiesti non può sforare le risorse stanziate, pari a 90 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022, di cui 65 milioni per gli investimenti pubblicitari effettuati su giornali quotidiani e periodici, anche online, e 25 milioni di euro per le “campagne” sulle emittenti televisive e radiofoniche, locali e nazionali, analogiche o digitali, non partecipate dallo Stato. Il credito è riconosciuto nei limiti stabiliti dalla Ue per gli aiuti de minimis». Ove le risorse non dovessero essere sufficienti «la ripartizione delle stesse tra i beneficiari avverrà in misura proporzionale al bonus astrattamente spettante.

Dal 1 marzo 2022 la prenotazione, tra un anno la conferma

Quanto alla procedura, l’Agenzia ha evidenziato che «dopo aver inviato la comunicazione, le imprese, i lavoratori autonomi e gli enti non commerciali, potenziali beneficiari dell’agevolazione, dal 1° al 31 gennaio 2023 dovranno inviare una dichiarazione sostitutiva, predisposta ai sensi dell’articolo 47 del Dpr 445/2000, attraverso la quale attestare che gli investimenti “comunicati” sono stati realmente effettuati nel corso del 2022 e rispettano i requisiti fissati dalla norma (vedi articolo “Bonus investimenti pubblicitari: sostitutiva entro il 10 febbraio”)». Infine, l’Agenzia ha puntualizzato che «titolare e gestore del beneficio fiscale è il dipartimento per l’Informazione e l’Editoria della presidenza del Consiglio dei ministri, che sul proprio sito dedica una pagina con il riepilogo del percorso normativo e i contenuti dell’agevolazione».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.