«La statunitense Food and Drug Administration (FDA) ha approvato Farxiga (dapagliflozin) compresse orali per adulti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta, per ridurre il rischio ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e di morte cardiovascolare». È quanto rende noto l’Agenzia italiana del farmaco, nella rubrica Pillola dal Mondo. Più nel dettaglio, l’Aifa fa sapere che «Farxiga è il primo medicinale della classe degli inibitori del co-trasportatore di sodio-glucosio 2 (SGLT2) a essere approvato per trattare gli adulti con insufficienza cardiaca funzionale di classe II-IV della New York Heart Association (NYHA) con frazione di eiezione ridotta».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

In aggiunta a ciò, l’Aifa evidenzia che «la sicurezza e l’efficacia del medicinale sono state valutate in uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, su 4.744 partecipanti, con età media di 66 anni e in prevalenza uomini (77%). Per determinare l’efficacia del farmaco, i ricercatori hanno esaminato il verificarsi di morte cardiovascolare, ospedalizzazione o visite urgenti per insufficienza cardiaca. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale per ricevere una dose giornaliera di 10 mg di Farxiga o un placebo. Dopo circa 18 mesi, decessi cardiovascolari, ricoveri o visite urgenti per insufficienza cardiaca sono stati inferiori tra i pazienti trattati con Farxiga rispetto a quelle che hanno ricevuto il placebo».

Quanto agli effetti collaterali e alle controindicazioni, «il medicinale – puntualizza l’Aifa – può causare disidratazione, gravi infezioni del tratto urinario e infezioni da lieviti genitali. I pazienti anziani, i pazienti con problemi renali, quelli con bassa pressione sanguigna e i pazienti che assumono diuretici devono essere valutati per il loro stato di volume e la funzione renale, così come i pazienti con segni e sintomi di acidosi metabolica o chetoacidosi. Nei pazienti con diabete, Farxiga, in associazione con insulina, può causare gravi casi di fascite necrotizzante del perineo (cancrena di Fournier)».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.