«Finalmente è possibile garantire servizi sanitari adeguati alle madri e ai piccoli nascituri del Bénin. Le opere di beneficenza le facciamo in silenzio, ma è bello condividere il rumore gioioso di un progetto ormai realizzato che consentirà alle future mamme del Bénin di far nascere i propri figli in un posto dignitoso». Sono queste le parole della società Guacci Spa, pubblicate sui social, a margine del completamento della prima fase del “Progetto di ristrutturazione e di allestimento del Reparto di maternità del Centro di salute di Akassato”. Ciò in seguito alla ricezione dei ringraziamenti ufficiali di Giuseppe Gambardella, console della Repubblica del Bénin a Napoli, all’indirizzo dell’azienda nata nel 1946 e diretta dal farmacista Luigi Guacci, operante in tutta la Campania e nelle aree geografiche limitrofe, comprese Lazio e Puglia con le controllate Spemital e Farmaca.

Il progetto, nato con la finalità di garantire servizi sanitari adeguati alle madri ed ai piccoli nascituri del quartiere di Akassato, con più di 20mila abitanti, situato nella città di Abomey-Calavi, sulla costa atlantica, è stato accolto con favore dalle autorità, ricevendo la gratitudine del console in Napoli. Lo stesso ha sottolineato in una nota come l’azienda Guacci «ha sempre dimostrato vivo interesse nel sostenere iniziative volte allo sviluppo della nostra fiera popolazione». Per questo motivo, si legge, «sapere che al mondo ci sono persone capaci di donare con rara semplicità ed abnegazione verso il prossimo, mi rende molto fiducioso verso il futuro e mi incoraggia a lottare ancora per la difesa dei diritti umani».

Dal canto suo, la Guacci conferma il proprio impegno per iniziative in tal senso, auspicando che tutto ciò sia «un esempio tangibile di solidarietà, di sostegno reciproco e di integrazione tra i popoli che dia vigore anche a future iniziative di solidarietà con il sostegno di noi farmacisti, quotidianamente impegnati nel nostro ruolo sociale». In particolare, sottolinea Luigi Guacci, «in questo momento storico in cui la solidarietà e l’integrazione tra i popoli vengono spesso messe in discussione, l’azienda Guacci sostiene con ancora più entusiasmo questi progetti e questi esempi di umanità che stanno riuscendo a garantire momenti di giustizia e di normalità ai cittadini beninesi».

© Riproduzione riservata