Il Consorzio nazionale dettaglianti (Conad) ha reso pubblici, martedì 9 luglio a Milano, gli indici economici e finanziari relativi all’anno 2018, nonché i piani di crescita del triennio 2019-2012. È quanto ha reso noto lo stesso gruppo, riferendo che «il fatturato 2018 si è attestato a 13,5 miliardi di euro, con un +3,5% rispetto al 2017, in costante crescita da dieci anni, dai 9,3 miliardi di euro del 2009 agli attuali 13,5 miliardi. Al contempo, l’Ebitda, vale a dire i ricavi pre-interessi, ammortamenti, tasse e deprezzamenti, delle sette cooperative associate, ovvero Commercianti Indipendenti Associati, Conad Adriatico, Conad Centro Nord, Conad del Tirreno, Conad Sicilia, Nordiconad e PAC 2000A, «è cresciuto del 2,1%, a 420,9 milioni di euro rispetto ai 412,1 milioni del 2017. A tale dato va aggiunto quello dei singoli soci imprenditori per un valore stimato nell’ordine del 2,1%».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Quanto ai settori più performanti, con riferimento a primi quattro mesi del 2019, risaltano i dati delle parafarmacie che registrano un incremento del 9,5% di fatturato. Ad essi si associano «gli ipermercati (15,1%), gli store Sapori&Dintorni (9%) e i discount Todis (7,4%)» e tutti gli altri servizi, tra cui i PetStore (36%), i distributori di carburanti (26,1%) ed infine dell’ottico (18,9%).

«I risultati conseguiti nel 2018 – commenta Franco Pugliese, amministratore delegato – sono riconducibili ai continui investimenti economici, al nostro modello imprenditoriale cooperativo che ci ha consentito di affrontare la crisi economica limitandone gli effetti e, soprattutto, di creare occupazione: sono oltre tremila i nuovi occupati solo nel 2018 e alla marca del distributore». Secondo quanto evidenzia il dirigente, «investiamo costantemente notevoli risorse economiche nella crescita e nello sviluppo del nostro sistema, nella formazione di nuova imprenditoria, in particolar modo giovanile, preferendo ciò ad altre operazioni di speculazione immobiliari e finanziarie. La finanza è necessaria per la crescita delle imprese e la ripresa del Paese; quando si trasforma in un’attività speculativa, i risultati creano effetti traumatici sull’economia reale che sono sotto gli occhi di tutti».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.