federfarma isedFederfarma ha deciso di procedere ad un rilancio degli strumenti messi a disposizione delle organizzazioni sindacali territoriali e delle farmacie, per la prenotazione di prestazioni sanitarie in regime privatistico, mediante il supporto di due partner, ISED S.p.A. e CUP Privato S.r.l. (gruppo BIM Farma). L’associazione dei titolari di farmacia riferisce infatti di aver riscontrato, tramite Promofarma, uno scarso utilizzo della piattaforma realizzata in precedenza. Di conseguenza, «si è riscontrata la necessità, per le organizzazioni territoriali, di ulteriori supporti per individuare gli enti erogatori di servizi sanitari e gestirne i rapporti nell’ambito dell’attività negoziale e post-contrattuale, per l’attività di promozione del servizio a livello territoriale ed infine per la formazione e l’assistenza alle farmacie». È stata perciò stipulata una convenzione con le due società partner, che consente di accedere, a condizioni predefinite e agevolate, ai servizi. ISED, in particolare, metterà a disposizione «una piattaforma web based che consente alla farmacia, in maniera facile e veloce, di effettuare, per conto dei propri clienti, prenotazioni di prestazioni sanitarie in ambito privato. La medesima piattaforma prevede un sistema di rendicontazione e fatturazione delle prestazioni prenotate». CUP Privato, invece, supporterà «con oneri a carico di Promofarma, l’attività di illustrazione e promozione del progetto nei confronti delle singole associazioni che manifesteranno interesse per l’iniziativa». Quindi, chi vorrà potrà avvalersi delle seguenti attività (a proprio carico): supporto per la scelta dell’assetto giuridico-organizzativo; individuazione delle strutture sanitarie private da accreditare e supporto per la relativa negoziazione; fornitura e personalizzazione di tutta la contrattualistica e della documentazione e consulenza per la corretta applicazione della normativa relativa alla tutela dei dati personali; verifica, presso gli enti pubblici competenti (regioni o aziende sanitarie) che abbiano attivato il servizio di CUP pubblico presso le farmacie, della possibilità di attivare contestualmente il servizio di CUP Pubblico e il CUP Privato, nonché fornitura dell’assistenza necessaria nei rapporti con la parte pubblica; eventuale fornitura di strumenti (Scanner CARE) volti a facilitare le operazioni di prenotazione nel caso di integrazione tra CUP Pubblico e CUP Privato; definizione e attuazione del piano di promozione, formazione e addestramento delle farmacie; fornitura di assistenza alle strutture sanitarie private accreditate; assistenza per tutte le attività previste dall’utilizzo della piattaforma». Federfarma ha quindi invitato a contattare Promofarma per ricevere ulteriori informazioni.

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.