«In relazione alla diffusione al pubblico di informazioni inesatte in ordine all’avvenuta sottoscrizione di eventuali accordi di convenzionamento con Istituti di credito, segnatamente con Banca Intesa San Paolo, questa Federazione si è vista costretta ad inviare la nota allegata, con la quale la Banca viene diffidata dalla diffusione di comunicazioni non rispondenti a verità, presso il pubblico, in particolare verso le farmacie, e viene altresì invitata ad una rettifica mediante tutti i più idonei strumenti informativi disponibili». È quanto evidenzia Federfarma, in una nota inviata alle associazioni territoriali. Nello specifico, si legge nel documento, «Federfarma è venuta a conoscenza di informazioni diffuse al pubblico da Banca Intesa San Paolo circa la presunta sottoscrizione di un accordo di convenzionamento per le farmacie con scadenza il 30/9/2020 ed ha sollecitamente diffidato l’istituto di credito a diffondere comunicazioni, non rispondenti a verità, presso il pubblico, in particolare verso le farmacie, invitandola ad una rettifica al riguardo».

Nella lettera di diffida inviata da Federfarma al gruppo Intesa San Paolo, viene fatto riferimento ad una convenzione risalente al 2017. Tale convenzione, tuttavia, è scaduta il 31 marzo 2018 e da allora non ha trovato alcun rinnovo. Nel testo a firma del presidente Marco Cossolo, viene dunque evidenziato che la federazione, «successivamente alla data di scadenza della convenzione, non ha manifestato alcuna disponibilità a concordare date e sedi per discutere, con codesta banca, tale nuova misura delle condizioni praticate alle farmacie aderenti alla scrivente, ne, tantomeno, ha mai espresso il proprio interesse alla prosecuzione della convenzione scaduta». Da qui, la richiesta di rettifica: «Questa federazione, a pena di adire le vie legali, diffida codesta banca dalla diffusione di siffatte comunicazioni, non rispondenti a verità, presso il pubblico, in particolare verso le farmacie, invitandola altresì ad una rettifica mediante tutti i più idonei strumenti».

© Riproduzione riservata