federfarma modena«Ora che la maggioranza della società Farmacie Comunali è in mano ad un soggetto economico non pubblico, speriamo che al primo posto non venga posto il business». È con queste parole che Silvana Casale, presidente di Federfarma Modena, ha commentato – sulle colonne del Resto del Carlino – l’esito dell’asta effettuata il 22 settembre per alcune farmacie comunali di Modena, vinta dalla società Finube. Quest’ultima – aveva spiegato un articolo pubblicato dalla Gazzetta di Modena – è una «holding controllata da Coop Estense, che a Modena era già socia di Farmacie Comunali Spa con una quota pari al 46,11%. Ha offerto 6,9 milioni di euro (contro il valore a base d’asta proposto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ovvero 6,797 milioni) per rilevare il 17% abbondante di azioni messe in vendita».
Sulla vicenda – come spiegato da FarmaciaVirtuale.it – era già intervenuto il presidente regionale dell’associazione di categoria, Domenico Dal Re, parlando di un fatto preoccupante, e spiegando che la questione è già al vaglio di Federfarma nazionale: «Vedremo quali iniziative assumere – ha spiegato – ma diciamo già al sindaco Muzzarelli che non può fare finta che non sia successo nulla. Le farmacie non sono botteghe e non si può pensare solo al business: il principio non è vendere più medicine, ma vedere quelle che servono». Dal Re aveva inoltre ricordato che il Ddl Concorrenza prevede l’ingresso del capitale nelle farmacie, e che dunque la stessa cooperativa potrebbe lanciarsi anche in tale business: «Vogliamo ribadire il ruolo delle farmacie a tutela della salute pubblica: l’ingresso del capitale privato non può cambiare le finalità del sistema», ha aggiunto il dirigente.
«Staremo alla finestra a controllare che tutto vada per il verso giusto – ha precisato Silvana Casale -. Finube ha mantenuto finora un atteggiamento corretto, nelle farmacie abbiamo riscontrato il dovuto orientamento al cittadino. Al tempo stesso, però, il fatto che il pubblico non sia più in maggioranza è preoccupante, perché un soggetto economico ha come primo obiettivo il lucro. Il Comune deve svolgere un ruolo di garanzia in questo senso».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.