A distanza di anni dall’introduzione della ricetta dematerializzata, a partire dal 2021, in Lombardia «verrà eliminata per sempre la stampa del promemoria delle ricette». A farlo sapere è Federfarma Lombardia, la quale sottolinea che «tutto sarà in formato digitale, sia per il medico sia per il farmacista. La farmacia potrà accedere alle prescrizioni direttamente dal proprio software gestionale e al paziente, per richiedere i medicinali, basteranno la tessera sanitaria e un codice “usa e getta”». Secondo quanto spiega il sindacato territoriale, tale dematerializzazione spinta è resa possibile grazie ad un accordo siglato tra Regione Lombardia, Federfarma Lombardia e Assofarm/Confservizi Lombardia. Tale sinergia «consentirà di migliorare alcuni importanti servizi a disposizione dei cittadini, semplificando i processi e rendendo più agevole l’accesso a farmaci e prestazioni sanitarie, anche a supporto di una più efficace continuità ospedale-territorio».

Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica

Il ruolo del Fascicolo sanitario elettronico (Fse)

Nella stessa occasione Federfarma Lombardia fa sapere che in aggiunta alla dematerializzazione totale delle ricette Dem «il farmacista potrà registrare nel Fascicolo sanitario elettronico il numero di cellulare dell’assistito. In questo modo, il paziente potrà ottenere via sms il codice Nre, ossia il Numero della ricetta elettronica (anche qualora non si fosse registrato per accedere direttamente al proprio Fascicolo sanitario online) e, in futuro, il codice “usa e getta”: un’utile agevolazione per le persone meno tecnologiche, che non sono dotate di smartphone e non utilizzano Internet».

Racca: «Servizio ai cittadini ancora più moderno»

«Questo accordo – commenta Annarosa Racca, presidente di Federfarma Lombardia – rafforza per i prossimi 5 anni la collaborazione che già lega le farmacie lombarde alla Regione e ci permetterà di garantire ai cittadini un servizio ancora più moderno, efficiente e di prossimità, valorizzando il nostro ruolo di avamposto del sistema sanitario sul territorio. La possibilità di accedere alla piattaforma Siss, in particolare, risponde alla volontà della farmacia di essere sempre più all’avanguardia, anche dal punto di vista tecnologico, e di poter ampliare i servizi offerti alla comunità, grazie a una maggiore informatizzazione».

Gallera: «Innovazione tecnologica al servizio della semplificazione»

«L’alleanza fra la Regione e il sistema delle farmacie lombarde – sottolinea l’Assessore al Welfare Giulio Gallera – si arricchisce di un nuovo tassello molto importante che pone l’innovazione tecnologica al servizio della semplificazione, a totale beneficio del cittadino. Il percorso di collaborazione è stato avviato negli anni scorsi attraverso l’attivazione della possibilità di prenotare in farmacia le prestazioni specialistiche e diagnostiche da effettuare nelle strutture sanitarie regionali, e si è ulteriormente irrobustito con il coinvolgimento della rete delle farmacie per la distribuzione dei vaccini ai medici di base».

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.