federfarma emilia-romagnaIl presidente di Federfarma Emilia-Romagna, Domenico Dal Re, ha espresso senza mezzi termini le proprie perplessità rispetto all’esito dell’asta effettuata il 22 settembre per alcune farmacie comunali di Modena, vinta dalla società Finube. Quest’ultima – spiega un articolo pubblicato dalla Gazzetta di Modena – è una «holding controllata da Coop Estense, che a Modena era già socia di Farmacie Comunali Spa con una quota pari al 46,11%. Ha offerto 6,9 milioni di euro (contro il valore a base d’asta proposto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena, ovvero 6,797 milioni) per rilevare il 17% abbondante di azioni messe in vendita».
Secondo Dal Re, si tratta di un fatto che «desta preoccupazione»: «Il caso è già all’attenzione di Federfarma nazionale. Vedremo quali iniziative assumere, ma diciamo già al sindaco Muzzarelli che non può fare finta che non sia successo nulla. Le farmacie non sono botteghe e non si può pensare solo al business: il principio non è vendere più medicine, ma vedere quelle che servono». L’associazione di categoria ricorda poi che «anche il Ddl Concorrenza prevede l’ingresso del capitale nelle farmacie: se passa la norma, Coop potrà entrare anche nelle private. Siamo preoccupati, e vogliamo ribadire il ruolo delle farmacie a tutela della salute pubblica: l’ingresso del capitale privato non può cambiare le finalità del sistema».
Da parte loro, riferisce il quotidiano locale, «sindacati come Cgil e Uil hanno invocato la conferma dei vincoli sulla possibilità di trasferimento delle sedi, sulla salvaguardia del personale, delle professionalità e delle condizioni contrattuali, e sulle scelte strategiche generali». Mentre il Comune si è difeso spiegando che gli introiti della vendita serviranno per finanziare un intervento di ristrutturazione in un liceo. Dal Re, tuttavia, insiste: «In Emilia-Romagna ci sono stati casi di cessione analoghi, ma sono entrati soggetti già con esperienze nella distribuzione intermedia, vera e propria, dei farmaci: tutto sommato le finalità pubbliche non sono mancate finora, nonostante un’immagine un po’ commerciale che si è fatta strada».

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.