«Il lungo e complesso lavoro necessario al conseguimento di questo importante processo di evoluzione della professione e della farmacia ha visto il collegiale impegno, ciascuno per le rispettive competenze, di Fofi, Federfarma, Assofarm e di altri soggetti istituzionali, che hanno contribuito con competenza e dedizione a definire le “Linee guida” nazionali, recepite in ambito regionale con tempestività ed efficacia e collocando la nostra esperienza regionale tra le prime in Italia a trasferire in operatività quotidiana, quanto fin qui definito in vari ambiti. Sulla base di quanto esposto vi raccomandiamo un particolare impegno nell’attivazione del FSE, secondo le modalità previste dalla Sperimentazione in atto, illustrata con la ns. circolare n. 1208 del 29 aprile i cui termini di scadenza sono stati prorogati al 15 settembre 2020». È quanto precisa una nota dell’Ordine dei farmacisti di Bari e BAT.

[Ti interessa ciò che stai leggendo? Iscriviti qui alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it per ricevere articoli come questo (e molto altro) direttamente alla tua casella di posta elettronica]

È utile ricordare in proposito che lo scorso maggio l’Ordine di Bari e BAT aveva reso disponibile sul proprio sito istituzionale le modalità attraverso cui le farmacie territoriali possono aderire al servizio. Più nel dettaglio, le fasi operative riguardano la compilazione della domanda di adesione e la partecipazione al corso di formazione Fad obbligatorio. Sempre sul sito ufficiale, l’Ordine rende disponibile la locandina della Regione Puglia, il riepilogo del webinar dello scorso 8 maggio e, infine, la possibilità di sottoporre dei quesiti in vista di un nuovo webinar a data da destinarsi. Si rimanda alla pagina ordinefarmacistibaribat.it per i dettagli e la modulistica.

© Riproduzione riservata