farmadays-2012-veronaPiù di 1500 farmacisti, 34 tra simposi, convegni e workshop, 103 tra relatori e docenti, 73 aziende espositrici. Questi i numeri delle giornate Farmadays, svoltesi dal 5 al 7 ottobre alla Fiera di Verona.

Ospiti della manifestazione i massimi rappresentanti istituzionali della Salute. Tra questi il ministro Renato Balduzzi (intervenuto nel pomeriggio di sabato) Flavio Tosi, sindaco di Verona, Luca Coletto, assessore regionale alla Sanità del Veneto, Loredano Giorni responsabile del settore politiche del farmaco della Regione Toscana e Giovanna Scroccaro, responsabile del servizio farmaceutico della regione Veneto.

Presenti i massimi esponenti di categoria dei farmacisti. Tra questi Anna Rosa Racca, presidente Federfarma; Andrea Mandelli, presidente Fofi, Federazione degli Ordini dei farmacisti; Luigi d’Ambrosio Lettieri, Senatore e vicepresidente Fofi, Marco Bacchini, presidente Federfarma Verona.
Si è parlato di integrazione della farmacia nel sistema socio-sanitario territoriale, confrontandosi nel concreto su progetti e ricette che riescano a coniugare esigenze fondamentali: offrire al cittadino un servizio farmaceutico capillare ed efficiente dal punto di vista del monitoraggio terapeutico e del controllo della spesa. In tempi di spending review, un cambiamento è necessario anche per il settore delle farmacie. Un cambiamento richiesto a gran voce dagli organizzatori dell’evento: l’Unione tecnica italiana dei farmacisti (Utifar).

La strada del cambiamento passa da una maggiore integrazione della farmacia nel tessuto socio-sanitario territoriale: attraverso la concretizzazione pratica dei servizi (già delineati dalla normativa del 2009 e dai successivi decreti attuativi) e dal ritorno in farmacia dei medicinali innovativi, attualmente dispensati dalle strutture ospedaliere. La distribuzione al pubblico in farmacia – questa è la proposta di Utifar condivisa nelle giornate – consentirebbe di garantire al cittadino un servizio migliore, più comodo e capillare. Al tempo stesso, attraverso le farmacie si riuscirebbe ad ottenere un risparmio sui costi finali e un maggiore monitoraggio della adeguatezza terapeutica.

Implementazione dei servizi a 360 gradi e sviluppo dei settori che, nel loro insieme, compongono l’offerta della farmacia. Tra questi, la fitoterapia, l’alimentazione particolare, la cosmesi, gli articoli sanitari e molti altri reparti che richiedono una sempre maggiore specializzazione, necessaria per offrire ai clienti servizi e consulenze al passo con i tempi.
Analisi del momento, ricette per il cambiamento e sviluppo delle competenze. Questa, in sinstesi, la prima edizione di Farmadays. L’appuntamento è per il prossimo anno, sempre alla Fiera di Verona, dal 4 al 6 ottobre 2013.

Ufficio stampa Farmadays
Alessandro Fornaro

http://www.farmadays.com

© Riproduzione riservata