FarmacovigilanzaLa Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti, ovvero l’ente che regola il mercato dei farmaci, sta studiando un sistema innovativo di farmaco-vigilanza. Secondo quanto riportato dal magazine specializzato Le Quotidien du Pharmacien, l’organismo governativo americano ha avviato un tavolo di discussione con il colosso del web Google: l’obiettivo è quello di sfruttare le ricerche effettuate dagli internauti sul motore di Mountain View, al fine di identificare più rapidamente gli effetti collaterali ancora sconosciuti, legati all’assunzione di farmaci.
La FDA parte infatti dal principio che numerosi utenti di Google effettuino ricerche associando il nome di un medicinale ai sintomi riscontrati. E, soprattutto, che tra tali sintomi ce ne siano alcuni diversi da quelli che lo stesso farmaco dovrebbe guarire: si potrebbe trattare dunque di effetti collaterali. Già nel 2013 uno studio effettuato da alcuni ricercatori della Microsoft aveva analizzato le chiavi di ricerca con questo obiettivo: i tecnici erano riusciti, proprio grazie a tale lavoro di analisi, a rivelare che l’associazione tra due principi attivi (uno legato alla regolazione del tasso di colesterolo nel sangue, un altro finalizzato a combattere fenomeni di depressione) risultava spesso responsabile di problemi di iperglicemia.
Un accordo tra la Food and Drug Administration e Google potrebbe permettere di evitare problemi di ampia portata, come ad esempio quello legato al Vioxx, anti-infiammatorio introdotto sul mercato nel 1999 e ritirato in tutto il mondo solamente nel 2004, dopo che uno studio condotto proprio dalla FDA aveva indicato il farmaco come potenziale responsabile di 25 mila decessi e attacchi cardiaci in soli cinque anni. Naturalmente, è necessario che un’eventuale analisi sulle ricerche effettuate agli internauti sia valutata con particolare attenzione, e venga subordinata a stringenti verifiche prima che si possa giungere a conclusioni certe. Le dimensioni del web, tuttavia, possono garantire una mole talmente elevata di informazioni da poter costituire – potenzialmente – una banca dati immensa, anche dopo una profonda scrematura.

[Se vuoi ricevere tutte le novità iscriviti gratis alla newsletter di FarmaciaVirtuale.it. Arriva nella tua casella di posta alle 7 del mattino. Apri questo link]

© Riproduzione riservata

Non perdere gli aggiornamenti sul mondo della farmacia

Riceverai le novità sui principali fatti di attualità.

Puoi annullare l'iscrizione con un click. Non condivideremo mai il tuo indirizzo email con terzi.